ATTRAVIERZO ’O SPECCHIO E CCHELLO C’ALICE CE TRUVAIE - Lewis Carrol, Roberto d’Ajello

attravierzo o specchio e chello c alice ce truvaie lewis carrol roberto d ajelloAutore: Lewis Carroll
Titolo: Attravierzo ’o specchio e cchello c’Alice ce truvaie
Traduzione in lingua napoletana di Roberto D’Ajello
Disegni di Lello Esposito
Descrizione: Pagg. 176, f.to 16x22 cm; ill. a colori; legatura in brossura.
ISBN: 9788869780561
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: In arrivo

“Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò” è il titolo del libro che il reverendo Charles Lutwidge Dogson, in... arte Lewis Carrol, pubblicò nel 1872, sette anni dopo il suo famosissimo “alice nel Paese delle Meraviglie”. Roberto D’ajello, sedici anni dopo aver dato alle stampe la sua traduzione in napoletano del suo primo capolavoro, pubblica quella del secondo, dal titolo “Attravierzo ’o specchio e chello c’Alice ce truvaie”. Una favola – fantastica, onirica e ricca di simbolismi e britannici nonsense, come la precedente – nella quale la sognante fanciulla si muove in un mondo speculare, secondario rispetto alla realtà, in cui sogna di entrare attraverso lo specchio del suo salotto.

Incomincia così una diversa e singolarissima avventura, vissuta come una stravagante partita a scacchi, che coinvolge anche la sua gattina Kitty, nelle sembianze della Riggina Rossa. La storia, che qui si giova delle suggestive e originali illustrazioni curate e napoletanizzate dall’artista Lello esposito, si snoda in episodi surreali, come tutti quelli “vissuti” dalla nostra eroina. Contiene numerosi testi poetici, tra i quali l’inimitabile Jabberwocky, che la prefatrice Stefania Tondo definisce “poema e personaggio dei più famosi al mondo”, e che il traduttore ha trasformato in Barbugliatone.

Al cui proposito la Tondo conclude che “esso merita un posto speciale nel cuore napoletano ed è una delle più riuscite traduzioni di D’ajello in questo testo”. Traduzioni che devono aver conquistato anche il cuore di numerosi lettori statunitensi amanti della lingua partenopea, se è vero che il suo “Alice dint’ ’o Paese d’ ’e Maraveglie” ha vinto a New York nel 2012 il prestigioso premio “Award of excellence”, ed è stato pubblicato in america nell’anno 2016 dall’editore Michael Everson, il quale ha già pronta la copertina per stampare anche il presente.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn