NAPOLE SCONTRAFFATTO DAPÒ LA PESTA - Giambattista Valentino

NAPOLE SCONTRAFFATTO DAPÒ LA PESTA - Giambattista ValentinoAutore: Giambattista Valentino
Titolo: Napole scontraffatto dapò la pesta.

Con introduzione, note e glossario di Sebastiano Massa.

Descrizione: In 16° ; pp. 155; intonso.

Luogo, editore, data: Napoli, Edizioni del Delfino, s.d.

Prezzo: Euro 15,00

Disponibilità: In commercio

Sullo sfondo della Napoli del Seicento si colloca l’esistenza di Giambattista Valentino, “povero scrivano” di tribunale e poeta, vissuto durante la seconda metà del XVII secolo. Di questi ci sono pervenuti tre poemetti in ottava rima, scritti in dialetto napoletano: “La Mezacanna co Lo vascello dell’Arbascia” (1660), ”Napole contraffatta dapò la pesta” (1665) e “La cicala napoletana, cioè la difesa de la Mezacanna”, “La galleria Segreta” e “Lo commanno d’Apollo” (1674). Nell’arco di tempo che si protrae dagli anni in cui era in vita l’autore fino al XIX secolo, i tre poemetti furono stampati e ristampati più volte in diverse edizioni, godendo, dunque, di una certa fortuna. Eppure, dell’autore poco si conosce: il suo nome, legato ai suoi scritti, sembra quasi svanire e tramontare in essi...

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn