DIALETTO NAPOLETANO. Manuale di scrittura e di dizione - Giovanni Vitale

dialetto_napoletano_vitaleAutore: Giovanni Vitale
Titolo: Dialetto napoletano
Sottotitolo: Manuale di scrittura e di dizione
Descrizione: Volume in 8° (cm 24 x 17); 864 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, ESI, maggio 2009
ISBN: 9788849515244
Prezzo: Euro 95,00
Disponibilità: In commercio

Il volume si propone di fornire agli studenti universitari e di Conservatorio, agli artisti ed a tutti coloro che amano leggere e scrivere in dialetto napoletano una guida sistematica sulla pronunzia e sulla scrittura. Il manuale è diviso in tre parti ed un’appendice. In esso vengono esaminati i tratti distintivi delle vocali e delle consonanti, i fenomeni della metafonia e della lenizione, le norme di pronunzia relative alla catena parlata e, circa la scrittura, si propongono delle regole. Pronunzia e scrittura sono continuamente confrontate col parere sostenuto dai vari autori e con la grafia da loro adottata o proposta. Quasi ogni pagina è accompagnata da citazioni tratte dal repertorio del napoletano (poesie, canzoni, prose...). La corposa appendice, con un prontuario sulle regole di scrittura ed i numerosi indici, si offre alla consultazione del lettore che, così, può operare le sue ricerche e valorizzare al meglio quanto ha letto e studiato.


Giovanni Vitale è titolare della cattedra di Arte scenica presso il Conservatorio Statale di Musica di Salerno, dove ha insegnato anche Pedagogia generale, Didattica generale, Pedagogia della Musica, Psicologia della Musica, Psicologia dell’età evolutiva. Ha proposto ed ottenuto che in questo Conservatorio diventasse istituzionale il Corso di dizione della lingua italiana ed opzionale il Corso di dizione del dialetto napoletano. Regista, è stato voce recitante in diversi concerti per voce recitante ed orchestra. Affianca all’attività di docente la libera professione di psicologo-psicoterapeuta. E’ un sostenitore della valenza terapeutica della voce umana parlata. Il suo amore per il teatro l’ha condotto, in gioventù, a frequentare la Scuola d’Arte drammatica presso il Circolo Artistico Politecnico in Napoli (1967-1969). Successivamente ha approfondito gli studi sulla dizione della lingua italiana, con stage a Firenze. Si è diplomato in Canto. Ha pubblicato, tra l’altro, Elementi di dizione. Regole e conflitto tra regole (1977), Manuale di dizione per cantanti (1987), Cappella serotina, singspiel in un atto per soli, coro, piccola orchestra e recitanti, con musica di Lupo Ciaglia (1989).

Sommario
Premessa
Note introduttve
PARTE I - II, VOCALISMO
I. Il vocalismo napoletano
II. Il tratto prosodico dell'accento
III. Il tratto distintivo dell'apertura delle vocali
IV. Il tratto distintivo della durata delle vocali
V. L’evidenza delle vocali
PARTE II - IL CONSONANTISMO
VI. Il consonantismo del napoletano
VII. La durata delle consonanti: il raddoppiamento iniziale
VIII. La durata delle consonanti: il raddoppiamento interno
IX. La durata delle consonanti: il raddoppiamento sintattico
X. Il tratto distintivo della sonorità delle consonanti
PARTE III - LA SCRITTURA
XI. Regole per la scrittura
Bibliografia
APPENDICE
Prontuario delle regole di scrittura
Indice degli autori
Indice delle opere citate nel «repertorio del napoletano»
Indice delle citazioni
Indice degli esempi
Indice delle parole
Indice analitico
Indice generale

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.