'E CUNTE... D' 'E BBESTIE. Liberamente ispirato alle Favole di Esopo e adattato alla lingua napoletana da Giuseppina Capobianco

e_cunte_d_e_bbestieAutore: Giuseppina Capobianco
Titolo: ’E cunte… d’ ’e bbestie
Sottotitolo: Liberamente ispirato alle Favole di Esopo e adattato alla lingua napoletana da Giuseppina Capobianco
Descrizione: Volume in 4° (cm 29,5 x 21); 96 pagine
Luogo, Editore, data: Roma, Aracne, 2010
ISBN: 978-88-548-3316-6
Prezzo: Euro 10,00
Disponibilita': Si



Di Esopo, antico favolista greco vissuto nel VI sec. A.C. si hanno conoscenze soltanto episodiche. Secondo molti giunse in Grecia come schiavo dall’Africa (non a caso la tradizione orale di molti popoli africani include favole con animali personificati il cui stile ricorda molto da vicino quello di Esopo). Divenuto libero visse alla corte di Creso, dove conobbe Solone, e a Corinto, dove ebbe occasione di conoscere i Sette Saggi. Già popolare ad Atene nel V sec. A.C. divenne presto un personaggio leggendario dalla vita avventurosa. Si dice che Esopo fosse di aspetto orribile, gobbo e balbuziente; una sua statua grottesca, di marmo, si trova a Roma a Villa Albani. Esopo fu considerato il creatore e il divulgatore delle antiche favole degli animali, con allegorie riferibili al mondo umano. Abbiamo redazioni di favole “esopiche” (circa 400) di tarda età ellenistica e di età bizantina, derivanti in parte da raccolte più antiche. Brevi e asciutte nello stile, le favole sono per la maggior parte di animali; tutte con una breve morale alla fine e hanno, principalmente uno scopo didattico ed educativo. Ciò significa che, nelle narrazioni, si assiste di continuo a situazioni ispirate a un insegnamento pratico con uno sfondo di morale che si riflette sulla fisicità e sulla emotività dei personaggi. Presso i Romani la favola esopica, volgarizzata e accresciuta da Fedro, servì soprattutto a usi scolastici. L’inganno, la verità, l’apparenza, l’astuzia, la stoltezza, sono tutte caratteristiche astratte esposte da Esopo, ma tutte in correlazione con una morale finale a scopo educativo.

Vissuta tra Napoli e Capri, dove per anni è stata “l’insegnante di Francese” dell’isola, Pina si è dedicata allo studio del napoletano e del francese quasi contemporaneamente, come a voler rafforzare quel trait-d’union che accomuna le due lingue e che le ha permesso di approfondirle e amarle in modo viscerale. Ancora oggi ella dedica parte del suo tempo a tradurre in napoletano e in francese le cose più varie e originali. Nel 2007 ha pubblicato “Viva Napoli e Paris”: una Antologia di canzoni napoletane da lei tradotte e cantate in lingua francese. Oggi pubblica questo nuovo lavoro “‘E cunte d’‘e bbestie” liberamente ispirato alle favole di Esopo e da lei adattato in lingua napoletana.Gli originali disegni dell’Arch. Giulio De Angelis e l’accurata versione italiana delle favole del Prof. Antonio Portolano sono fondamentali per l’armonia e il completamento dell’opera. Attualmente l’Autrice vive a Roma.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.