RISPOSTA AL DIALETTO NAPOLETANO DELL'ABATE GALIANI - Luigi Serio

risposta_al_dialetto_napoletanoAutore: Luigi Serio
Titolo: Risposta al dialetto napoletano dell'abate Galiani
Titolo originale: Lo Vernacchio. Resposta a lo dialetto napoletano
A cura di Domenico Scafoglio e Giuseppe Antonio Arena ; con una nota di Salvatore Ferraro.
Descrizione: Volume in 8° (cm 23 x 14); 104 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Colonnese, luglio 1982
Collana: I nuovi trucioli, 11
Disponibilita': No

Il 1779 Ferdinando Galiani pubblicò Il dialetto napoletano sostenendo le ragioni    di un volgare « illustre » napoletano e combattendo la tradizione « bassa » del dialetto e della letteratura dialettale di Napoli. Qualche mese dopo Luigi Serio assunse i panni e il linguaggio plebeo di Carmeniello e scrisse e divulgò un Vernacchio (cioè, « pernacchie ») contro l'abate Galiani, in difesa della cultura popolare napoletana, scatenando una delle più violente polemiche letterarie del secolo XVIII.
Il presente volume ripropone, dopo quasi due secoli, lo scritto dimenticato di Luigi Serio e fa la storia di quella polemica, rilevandone le complesse implicazioni coi grandi eventi della storia culturale e civile di Napoli nel secondo Settecento.


Luigi Serio (1744-1799), regio revisore teatrale, professore di eloquenza all'Università di Napoli, improvvisatore e poeta di corte, era nato presso Vico Equense, da modesti genitori. Ruppe con la corte borbonica (intorno al 1795) e nel '99 fece apostolato politico tra la plebe, parlando nel suo dialetto. Morì combattendo, « con le armi e con la voce », contro l'armata sanfedista che entrava in Napoli.
Lasciò, editi ed inediti, numerosi scritti di letteratura ed estetica. Di questi, il Vernacchio (che qui si ristampa col titolo Risposta al Dialetto napoletano) fu definito da Benedetto Croce « il suo miglior lavoro di critica  letteraria ».
Domenico Scafoglio è professore all'Università della Calabria; ha pubblicato numerose opere di letteratura e folklore, tra cui: V. Padula - Storia di una censura (Lerici); Lazzari e giacobini (Guida); La maschera della  Cuccagna (Colonnese); Terre e briganti (D'Anna).
Giuseppe Antonio Arena ha, tra l'altro, già pubblicato: Stato e diritto in G. Palmieri (Napoli, 1968); La rivolta di un abate F. Longano (ivi, 1971); F. de Attellis e le antichità italiche (Roma, 1974); G. Pepe tra politica e storia (Napoli, 1977).
Salvatore Ferrare, professore nei licei, ha pubblicato vari scritti, tra cui: La presenza di Virgilio nei graffiti pompeiani (Loffredo).

 

Indice del volume:
•    Nazione e popolo nella questione del dialetto a Napoli nel secondo Settecento / di Domenico Scafoglio
•    Lingua, dialetto e classi sociali nel pensiero di Luigi Serio / di Giuseppe A. Arena
•    Risposta al Dialetto napoletano dell'abate Galiani
•    Un inedito di Luigi Serio sul Dialetto di Galiani / a cura di Salvatore Ferraro


 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.