IL RINASCIMENTO NAPOLETANO e la tradizione egizia segreta - Salvatore Forte

il rinascimento napoletano salvatore forteAutore: Salvatore Forte
Titolo: Il rinascimento napoletano e la tradizione egizia segreta
Descrizione: Volume in formato 8°(cm 22,5 x 16); 115 pagine; alcume illustrazioni in b/n
Luogo, Editore, data: s.d., s.e., 2015
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilità: In commercio

Napoli ha sempre custodito e tramandato in segreto le sue tradizioni più che millenarie, nonostante la sua storia dopo l’unità d’Italia sia caduta nell’oblio. Restano comunque degli indizi che andremo ad investigare in modo del tutto nuovo ed originale. Queste tradizioni sono un filo sotterraneo che difficilmente può venire a galla se non se ne posseggono le basi interpretative. La base è la comprensione della dottrina che genericamente viene definita “esoterica”.


Perché l’antica tradizione esoterica ermetica asseriva che le cose celesti sono in rapporto con le cose terrestri?
La similitudine tra la terra ed il cielo viene richiamata in una opera astrologica, "Urania", di Giovanni Pontano, unanimemente considerato il principale artefice del poco conosciuto Rinascimento napoletano. La sua omonima cappella in via Tribunali, nel cuore di Napoli, racchiude la presenza di simboli ermetici associati a numerosi misteri che andremo a documentare.

Quale segreto racchiude una cappella in S. Domenico Maggiore dove Giordano Bruno sin da giovane novizio era solito soffermarsi?
Un indizio sfuggito a tutti richiama l’esistenza di un’antica tradizione occulta, di cui Bruno nelle sue opere si sarebbe fatto portatore.
In ogni luogo esaminato ed in ogni periodo storico napoletano aleggia la presenza di un ordine invisibile le cui tracce portano indietro di svariati millenni, nientemeno che all’antico Egitto.

Salvatore Forte: nato a Napoli dove lavora nel settore della videocomunicazione e del marketing. Nell'ambito della videocomunicazione cinematografica si prefigge di adattare e trasporre in chiave moderna le forme del linguaggio simbolico delle antiche culture in linguaggio fruibile per i nostri tempi. Ha partecipato come sceneggiatore al documentario "Giordano Bruno e i Rosacroce" ed al progetto IVI "Itinerari video interattivi". Si interessa di storia e simbologia esoterica con particolare riferimento alla città di Napoli.
Collabora al progetto OSCOM "La pedagogia della bellezza", Università Federico II di Napoli. Socio fondatore dell'ASCI (AssociazioneScuolaCinema Italiana) e membro del Centro Studi Rosacroce, parte di un progetto internazionale che vede riunite tre Fondazioni, senza fini di lucro, attive da oltre 20 anni nel panorama culturale europeo, il cui scopo è promuovere l'approfondimento del patrimonio di saggezza contenuto negli scritti Ermetici e Gnostici.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.