CULTURA E SCIENZA NEI GIARDINI DELLE VILLE VESUVIANE - Filippo Barbera

Cultura_e_Scienza_pAutore: Filippo Barbera
Titolo: Cultura e scienza nei giardini delle ville vesuviane.
Presentazione di Francesco Starace, Professore di Storia dell'Architettura della Universita' di Napoli Federico II
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 21 x 15); 261 pagine; molte illustrazioni in b/n nel testo; 30 tavole a colori fuori testo.
Luogo, Editore, data: S.l., s.e., 2007
ISBN: 978-88-902889-3-7
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilita': 3 esemplari

L'idea di giardino rimanda immediatamente agli aspetti botanici e florofaunistici, ma il giardino è anche altro: luogo simbolico per eccellenza, esso racchiude mistero, magia, religione, scienza, invenzione, calcolo, disegno, meditazione, pensiero.
Alcuni giardini annessi alle ville vesuviane furono sede sin dal '400 di dotte accademie e consessi di studiosi insigni e, oltre ad adempiere alla funzione di luoghi di svago e di riposo, furono essenzialmente luoghi di produzione culturale: dalla poesia alla musica, dalle scienze alle arti. Difatti è proprio nel giardino che l'uomo si prende cura di sé, si raccoglie, si ristora dagli affanni dell'esistenza e solo in tale condizione di raccoglimento può disporsi alla cura dello spirito, alla poesia, all'arte, alla scienza. Cultura e scienza nei giardini vesuviani allude, nelle intenzioni dell'autore, al significato delle ville intese come sedi in cui circolava e si produceva cultura, le cui tracce si leggono gia' nei metodi progettuali e nei saperi simbolici con cui furono ideate e realizzate.


Indice del volume:
Indice
Presentazione di Francesco Starace, Professore di Storia dell'architettura dell'Universita' Federico II
1 Introduzione dell'autore
2 Criteri e metodi progettuali nei giardini delle ville vesuviane.
Esoterismo e simboli nelle matrici generative.
3 Le molte idee di giardino presenti nelle ville vesuviane del '700.
4 La mappa del Duca di Noja come strumento per gli studi delle ville vesuviane.
L'organizzazione delle opere di rilevamento.
Il territorio rappresentato nella mappa.
Il cambio di direzione del piano Carafa.
I giardini delle ville: Casi studio.

A Portici

1 II giardino della villa del principe di Caramanico.
2 II giardino della villa del conte di Palena.
3 I giardini della Leucopetra di Bernardino Martirano.
Una villa che fu sede accademica.
La villa nelle descrizioni poetico-letterarie e nelle memorie dei viaggiatori inglesi del'500.
Alcune considerazioni sul progetto del palazzo.
Il giardino nella sua evoluzione e trasformazione dal '500 ad oggi.
4 II giardino della villa del principe Di Capua alla Riccia
5 I giardini di Palazzo Gravina a Bellavista.
6 II giardino della villa Caravita.

A Barra

7 I II giardino della villa Sanseverino di Bisignano.
L'ombra di Bruno: considerazioni sul progetto del palazzo.
Il giardino: un universo di sfere.
8 II giardino di villa Pignatelli di Monteleone .
II parco della villa : genesi progettuale e riferimenti formali.

A S. Giorgio a Cremano

9 I giardini della villa Vannucchi gia' dei D'Aquino di Caramanico.

A Ercolano

10 I giardini di Palazzo Tarasconi ad Ercolano.
11 I giardini della villa Aprile gia' dei Riario Sforza.
12 Giardini e genesi progettuale della Villa Favorita.

 

Filippo Barbera (Napoli 1960); architetto, dottore di ricerca in Storia dell'Architettura e della Citta' presso la Facolta' di Architettura della Universita' Federico II con tesi su Giacomo Antonio Canevari Architetto (Tutors, prof. B. Gravagnuolo e prof. F. Starace), è autore di diversi articoli e saggi fra cui, La scelta strategica del Real Sito di Portici (2000), (con A. Velia) II territorio storico della citta' vesuviana (2001), II giardino come sintesi di Microcosmo e Macrocosmo (2003), Dalle ville nobiliari esoteriche al Palazzo Reale diportici in M. Fagiolo, Architettura e Massoneria (2006), L'altro Sole di Versailles ( con prefazione di B. Gravagnuolo) (2007)

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.