TABULA DE AMALPHA - Andrea De Leone, Alessandro Piccirillo

tabula de amalphaTitolo: Tabula de Amalpha
Descrizione: Volume rilegato, con sovracoperta illustrata, in formato 4° (cm 29 x 20); 193 pagine; 2 tavole ripiegate a colori e 30 riproduzioni dell'originale; testo a fronte; edizione a tiratura limitata, ns. esemplare n. 1762.
Luogo, Editore, data: Cava de' Tirreni (SA), Di Mauro ed., 1965
Prezzo: Euro 60,00
Disponibilità: 1 esemplare disponibile

Un rilevante strumento per conoscere la storia del diritto della navigazione, oltre che per l'approfondimento di alcuni settori della civilta' amalfitana e mediterranea del tardo Medioevo.
Ad Amalfi va l'indiscusso merito di aver redatto il piu' antico statuto marittimo, la Tabula Amalphitana, nota anche come Tabula Amalphe, Tabula de Amalphi oppure Tabula Prothontina - il cui nome piu' compiutamente sarebbe Capitula et Ordinationes curiae maritimae nobilis civitatis Amalphe - che ha costituito un vero e proprio punto di riferimento per tutta la marineria del Mediterraneo fino al '500.

Il codice originale, purtroppo, è andato perso, ma delle numerose copie coeve su carta a mano eseguite per le varie famiglie aristocratiche del luogo, una, poi appartenuta al doge veneziano Marco Foscarini, fini' in Austria dove venne acquistata nel 1929 dal governo italiano che la donò alla citta' di Amalfi. Si tratta di un testo composto di 66 capitoli, parte dei quali scritti in latino medievale e parte in volgare; la sezione in latino, molto piu' antica dell'altra, risale secondo il Camera al X secolo mentre per quella in volgare è possibile ipotizzare una datazione risalente al XIII secolo.
Nella Tabula vengono delineati i diritti e i doveri dell'equipaggio di una imbarcazione, dal capitano all'ultimo dei marinai e a volte le decisioni hanno carattere sorprendentemente collegiale: ad esempio era tutto l'equipaggio, e non il solo capitano, a decidere se disfarsi del carico in caso di tempesta.
La Tabula sancisce il diritto all'assistenza dei marinai feriti o ammalati; descrive il comportamento da tenere in situazioni di emergenza come l'assalto dei pirati; definisce le condizioni del nolo e le percentuali da corrispondere all'armatore, le modalita' di partecipazione agli utili dell'attivita' marinara e l'indennizzo delle assicurazioni.
Ad esempio, gli utili derivanti dalla vendita del pescato venivano ripartiti in tre parti uguali: una spettava al proprietario della barca, una seconda al capo-pescatore e l'ultima andava ripartita tra tutto il resto dell'equipaggio.
L'equilibrio delle norme contenute nella Tabula è tale che Amalfi divenne sempre piu' nota per "la buona fede, la lealta' nelle contrattazioni marittime [...] per i rari fallimenti, per le rarissime frodi e baratterie".

Nel 1965, dopo un lungo e accurato lavoro, una equipe di studiosi cura la riedizione della Tabula; tra questi Leopoldo Cassese per la revisione critica, l'annotazione e le appendici, e poi nei diversi settori di loro competenza Vincenzo Giuffrè, Enrico D'Auria, Giuseppina Mengano, Claudio Memoli, Matteo Nobile, Giuseppina Pessolano, Giuliana Scardaccione e Antonio Guarino.

La Tavola aveva avuto due precedenti edizioni, entrambe napoletane nel 1844: l'una a cura di Carlo Troya, Salvatore e Luigi Volpicella, l'altra dovuta a Gar, scopritore del manoscritto foscariniano ceduto dall'Austria all'Italia nel 1929, ed oggi custodito nell'archivio del comune d'Amalfi. Il documento è certamente una tarda trascrizione erudita; la stessa intestazione del Codice foscariniano segnala infatti che la denominazione Tabula de Amalpha è puramente di comodo.

Indice:
11 Mito e storia della Tavola di Amalfi
27 La Tabula
Appendici
147 Ragguagli storici e di diritto moderno
161 Notizie amalfitane
185 Note bibliografiche

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.