CITTÀ DELLA SCIENZA. La storia Infinita - Pietro Greco

 

citta_della_scienza_pietro_grecoAutore: Pietro Greco
Titolo: Città della Scienza
Sottotitolo: La storia Infinita
Descrizione: Volume in formato 16° (cm 18,5 x 12); 100 pagine
Luogo, Editore, data: Napoli, Tullio Pironti, 2011
ISBN: 9788879375597
Prezzo: Euro 7,00
Disponibilità: In commercio


«La Fondazione Idis - Città della Scienza è una giovane comunità che vive e lavora in una vecchia fabbrica chimica, recuperata con elegante operazione di archeologia industriale e affacciata sul golfo di Napoli, sotto la collina di Posillipo, tra Nisida e Bagnoli."
Sessantacinquemila metri quadri su cui si distende la più moderna interpretazione di un concetto (anzi, di un valore) che è uno degli elementi fondanti della costituzione mai scritta ma operante da almeno quattrocento anni nella Repubblica della Scienza: comunicare tutto a tutti, per rendere il sapere scientifico un bene a disposizione non di questo o di quello, ma dell’intera umanità.

La Città della Scienza, creata dal fisico Vittorio Silvestrini a Bagnoli, in un’area industriale dismessa, è il primo esempio di riconversione perfettamente riuscita, e ospita il più grande e innovativo museo hands on d’Italia, uno dei più grandi e innovativi musei interattivi d’Europa. Ma Città della Scienza è anche e soprattutto un luogo in cui la diffusione informale e democratica del sapere scientifico diventa la leva per un nuovo sviluppo economico.
La storia della Fondazione Idis-Città della Scienza è storia della costruzione, nel Mezzogiorno d’Italia, di un nuovo modello generale di sviluppo: un modello culturale ed economico per sottrarsi al declino ed entrare nella Società della Conoscenza».
Una storia e un sogno ripercorsi passo passo. Una storia e un sogno che non riguarda solo Vittorio Silvestrini e i suoi collaboratori. Riguarda tutti noi. Infrangerlo è un peccato che Napoli e il Mezzogiorno non possono permettersi.

Pietro Greco, napoletano, giornalista scientifico e scrittore, è membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Idis - Città della Scienza
Ha diretto il Master in Comunicazione Scientifica della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dove è anche project leader del gruppo di ricerca ICS (Innovazioni nella comunicazione della scienza).
Laureato in chimica, è stato dal 2006 al 2008 consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca. È stato socio dell’agenzia di giornalismo scientifico “Zadigroma”, conduttore storico del programma “Radio 3 Scienza”. Dal 1987 collabora con il quotidiano «l’Unità» e dal 2009 con il settimanale «Gli Altri». È stato coautore e responsabile scientifico di “Pulsar. Storia della scienza e della tecnica nel XX secolo”, programma televisivo in 20 puntate andato onda sulla RAI nel 1999 e 2000.
Nel 2001-2002, sempre sulla Rai, è andato in onda “I grandi della scienza del Novecento”, programma televisivo in 24 puntate.
Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo: Hiroshima. La fisica ha conosciuto il peccato (Editori Riuniti, 1995); L’origine dell’universo (Editori Riuniti,1998); Evoluzioni. Dal Big Bang a Wall Street, la sintesi impossibile (CUEN, 1999); Il sogno di Einstein (CUEN, 2000); Einstein e il ciabattino. Dizionario dei termini scientifici di interesse filosofico (Editori Riuniti, 2002); Einstein (Alpha Test, 2004); La Città della Scienza (Bollati Boringhieri, 2006); Buongiorno prof. Budinich. La storia eccezionale di un fisico italiano (Bompiani, 2007); L’astro narrante. La Luna nella scienza e nella letteratura italiane (Springer Italia, 2009); L’idea pericolosa di Galileo. Storia della comunicazione della scienza nel Seicento (UTET, 2009); L’universo a dondolo. La scienza nell’opera di Gianni Rodari (Springer Italia, 2010). Nel 2004 ha vinto il Premio Serono per la saggistica scientifica

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.