QUATTRO MESI FRA I BRIGANTI - Johann Jakob Lichtensteiger

quattro mesi fra i brigantiAutore: Johann Jakob Lichtensteiger
Titolo: Quattro mesi fra i Briganti 1865/66.
A cura di Ugo di Pace; con un saggio su Raffaele Del Pozzo, fotografo dei Briganti.
Descrizione: Volume in 8° (cm.23,5 x 17); 186 pagine; 15 illustrazioni in b/n e repertorio finale di 36 foto, ampiamente commentate, di Raffaele Del Pozzo.
Luogo, Editore, data: Cava de' Tirreni (SA), Avagliano, 1984
Disponibilità: No

1865 Johann Jakob Lichtensteiger, disegnatore di tessuti presso la Wenner & C. di Salerno, venne sequestrato insieme al figlio del titolare dell'azienda e ad altri due connazionali da una banda di briganti che li tenne prigionieri per tutto l'inverno sulle montagne a scopo di ricatto.
In quello stesso periodo un fotografo salernitano, Raffaele Del Pozzo, operava al servizio delle forze dell'ordine, riprendendo le immagini dei briganti catturati o uccisi.


Le loro strade s'incrociarono il giorno del rilascio, 10 febbraio 1866, quando fotografo e sequestrati si trovarono di fronte per pochi attimi, di qua e di là dell'obiettivo, collaborando alla realizzazione di uno dei documenti più rari dell'iconografia brigantesca.
Rientrato nella normalità, il Lichtensteiger stese una vivace narrazione della vicenda, il cui testo, pubblicato un anno dopo la sua morte, si propone qui per la prima volta in traduzione italiana.
Ugo Di Pace l'ha corredato di un ricco apparato di note e ha ricostruito il repertorio delle immagini dei briganti, in gran parte inedite, riprese nell'arco di un decennio dal Del Pozzo, studiandole in un saggio nel quale esamina la diffusione e l'uso che di tali immagini si faceva nella società dell'800, e recupera alla storia della fotografia la personalità finora sconosciuta di un pioniere.

Ugo Di Pace, studioso di storia della fotografia, ha pubblicato Giorgio Conrad, un fotografo dell'800 a Napoli (1980) ed ha curato la riedizione del volume di Giovanni Wenner L'industria tessile salernitana dal 1824 al 1918 (1983). Da quest'ultima esperienza ha tratto lo spunto per il programma in sette puntate Via le odiate macchine, più volte replicato dalla RAI. A lui sono state affidate le sezioni fotografiche (con relativi saggi in catalogo) delle mostre: Industrie tessili nel Salernitano, Parigi 1982; Alphonse Bernoud e il debutto del fotoreportage, Milano 1982, Brigantaggio, lealismo e repressione nel Mezzogiorno, Napoli 1984.


 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.