SAN GENNARO. Ed. Bompiani - Vittorio Paliotti

SanGennarodiPaliottipAutore: Vittorio Paliotti
Titolo: San Gennaro.
Sottotitolo: Storia di un culto, di un mito, dell'anima di un popolo.
Descrizione: Volume in 8° (cm 21 x 15); pp. 265; 8 illustrazioni a colori fuori testo.
Luogo, Editore, data: Milano, Bompiani, giugno 2001
Disponibilita': NO

San Gennaro, decapitato nel 305 dopo Cristo a Pozzuoli, presso il vulcano Solfatara, era assurto a patrono di Napoli, sembra, in occasione di una calamita' naturale.
Prima di lui, il patrono di Napoli era sant'Agrippino; ma nel V secolo, esattamente nel 472, esploso il Vesuvio in una furibonda eruzione, centinaia e forse migliaia di napoletani si erano riversati presso il sepolcro di San Gennaro, nelle oscure catacombe di Capodimonte, e proprio a lui avevano chiesto protezione.
Da allora il rapporto fra San Gennaro e i napoletani si è sempre basato sulla sua facolta' di proteggere la citta' da "tremuoti" (terremoti) e da eruzioni. Con espressioni in bilico fra l'enfasi e lo scherzoso, questo rapporto fra il santo e la citta' fu ben puntualizzato da Alessandro Dumas il quale nel 1841 scrisse:
"Cittadino prima di tutto, San Gennaro non ama in realta' che la sua patria; la protegge contro ogni pericolo, la vendica di tutti i nemici: civi, patrono, vendici, come dice una vecchia tradizione napoletana.
Se il mondo intero fosse minacciato da un secondo diluvio, San Gennaro non alzerebbe nemmeno il mignolo per impedirlo; ma se la minima goccia d'acqua dovesse nuocere ai raccolti della sua buona citta', San Gennaro muoverebbe cielo e terra per ricondurre il bel tempo."

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.