PORTICI LAPIDARIA - Stanislao Scognamiglio,

PORTICI LAPIDARIA - Stanislao Scognamiglio,Autore: Stanislao Scognamiglio
Curatore:
Titolo: Portici lapidaria
2 volumi indivisibili
Prefazione di Giuseppina Scognamiglio
Presentazione di Oreste Maria Casaburo
Introduzione di Antonietta Ferraro
Descrizione: Volumi con copertina flessibile, di cm 24 x 17; 806 pagine; Illustrazioni in b/n nel testo
Collana: 
ISBN:
Prezzo: Euro 35,00
Disponibilità: Limitata

 


richiedi informazioni


Passeggiando per le strade di Portici, visitando ville patrizie, chiese, e parchi pubblici capita spesso  di imbattersi in lapidi e iscrizioni che testimoniano vicende o personaggi che in qualche modo hanno inciso sulla vita cittadina.
In Portici lapidaria il lavoro certosino dell’autore, Stanislao Scognamiglio, è partito da queste testimonianze “di pietra”, giungendo, a “ritroso”, al racconto della vita dei protagonisti ed agli avvenimenti della storia di Portici, a carattere sociale, politico, clericale, di eventi naturali.

PORTICI LAPIDARIA - Stanislao Scognamiglio,Un libro in due volumi che comprende una carrellata delle lapidi incise: nella prima parte quelle antecedenti al Primo secolo dopo Cristo fino all’anno 1897, nella seconda quelle che vanno dall’anno 1901 fino ai nostri giorni.
Una sorta di Antologia di Spoon River: il corso degli eventi visti da una angolazione innovativa che si è rivelata un metodo di indagine più capillare rispetto a quelli sinora applicati.

Scognamiglio, nell’introduzione a Portici Lapidaria sottolinea che sono state «… prese in considerazione, siano esse di piccola o di grande dimensione, di semplice o complessa struttura, tutte le iscrizioni poste all’esterno o all’interno degli edifici pubblici e privati, delle chiese, delle cappelle, delle caserme e del cimitero e delle scuole.»

Nel volume l’autore ha riportato «… il testo dell’iscrizione, dando voce ai documenti … aggiungendo un succinto profilo biografico del personaggio, una breve descrizione dell’accaduto o della curiosità, l’immagine.»
L'autore ha presentato ogni lapide in ordine cronologico ed ha, inoltre, evidenziato alcune curiosità legate a iscrizioni: sebbene destinate a un uso diverso, se ne citano due utilizzate come soglie di balconi, e altre due dedicate a animali, un cane e addirittura una scimmia.

Altre, purtroppo, «… soggette indiscriminatamente alle ingiurie dell’uomo e del tempo, versando in uno stato di lento e inesorabile decadimento, si avviano a essere inevitabilmente perdute.»
Portici Lapidaria, è un appassionato e appassionante baedeker che tra i suoi primi scopi ha quello di «… attirare l’attenzione del cittadino e dell’occasionale visitatore di passaggio in città, su questa particolare variegata e interessante galleria.»
Portici Lapidaria è arricchito dalle testimonianze della professoressa Giuseppina Scognamiglio, padre Oreste Maria Casaburo e la giornalista Tonia Ferraro.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.