I LONGOBARDI tra Tevere, Garigliano e Volturno (VI-X Sec.) - Domenico Celestino

i longobardi tra tevere garigliano e volturno domenico celestinoAutore: Domenico Celestino
Titolo: I Longobardi
Sottotitolo: tra Tevere, Garigliano e Volturno (VI-X Sec.)
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 128 pagine; illustrazioni in b/n nel testo; appendice con 25 tavole a colori fuori testo raffiguranti le miniature sacre e profane dell’anno 1023, che illustrano l’Enciclopedia Medioevale di Rabano Mauro
Luogo, Editore, data: S.Donato V. C. (FR), Associazione "Genesi", 2014
ISBN: 978-88-88391-90-8 9788888391908
Prezzo: Euro 23,00
Disponibilità: In commercio


Lo studio di Domenico Celestino sulle vicende storiche dell'Italia Centrale (Spoleto-Roma-Benevento) dal VI al X secolo è di grande importanza per chi si appresta a studiare l'influenza longobarda sui centri sparsi in quest 'area geografica.



Il lavoro, che comprende anche una introduzione ed una conclusione, si articola in tre capitoli fondamentali riguardanti:

- l'invasione Longobarda in Italia, avvenuta attraverso Cividale del Friuli nel 568;

- la sconfitta dei Longobardi e l'avvento dei Franchi;

- l'irruzione dei Saraceni nel Lazio meridionale.

La narrazione storica è articolata e ricca di notizie. Argomento centrale della ricerca sono i Longobardi e, come scrive l'autore nell 'introduzione, dal momento in cui valicarono le Alpi, la storia d'Italia mutò completamente il suo corso; parimenti un radicale cambiamento si verificò anche nell 'area compresa tra il Tevere, il Garigliano e il Volturno sulla quale si incentra la ricerca stessa.

Il cambiamento riguarda la politica amministrativa, le leggi, il diritto pubblico e privato, la religione e i nuovi concetti di forza lavoro. Tutti gli argomenti sono trattati in maniera lenticolare. La ricerca è meticolosa e puntuale, la azioni militari vengono presentate come un bollettino di guerra o un reportage giornalistico effettuato in prima linea.

Per dimostrare la presenza e l'influenza longobarda nell 'area in esame, Domenico Celestino utilizza, con eccellenza, i residui linguistici goti e longobardi, la toponomastica di chiara origine lonzobarda e i reperti di manufatti in pietra con intrecci viminei.

Lo studio di Domenico Celestino è una ricerca storica minuziosa condotta dall'autore per circa quarant 'anni, come si può evincere anche dalla ricca bibliografia elencata nel libro. 

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.