LO STATO DI SERINO NEL CINQUECENTO. La nascita dell'università di Santa Lucia. I personaggi, gli statuti - Ottaviano De Biase

lo_stato_di_serino_nel_cinquecento

Autore: Ottaviano De Biase
Titolo: Lo Stato di Serino nel Cinquecento
Sottotitolo: La nascita dell'università di Santa Lucia. I personaggi, gli statuti
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 256 pagine
Luogo, Editore, data: Avellino, Il Terebinto
Collana: Terre e Genti d'Irpinia, n.1
ISBN: 9788897489023
Prezzo: Euro 10,00
Disponibilità: in commercio

L'apparente facilità della storia locale, insieme ad un sempre lodevole amore per il natio loco, ha favorito e incentivato il fiorire, specie nel Mezzogiorno, di questo genere storiografico, con esiti e risultati spesso dubbi ed ambigui. Non ci si rende spesso conto, in realtà, tra gli stessi studiosi, dell'estrema difficoltà e delicatezza del fare storia locale, o meglio storia localizzata. Innanzitutto, la scarsità, la frammentarietà o addirittura la dispersione delle fonti inducono in genere gli studiosi a concentrare la propria attenzione, secondo un antico ed inveterato modello classicistico, sulle epoche più remote, che risultano più suggestive ed evocative, e per le quali apparentemente più facile orientarsi sulla base delle pur non numerose e abbastanza controverse indicazioni degli storici antichi. Risultano così sacrificati il medioevo, l'età moderna e persino quella contemporanea. Per coprire alla meglio questi periodi si ricorre in genere a farraginosi elenchi di feudatari, o, se del caso, di vescovi e di abati, e a prolissi quanto approssimativi riassunti della storia generale del Regno di Napoli, per finire, come culmine massimo di contemporaneità, con l'elenco dei caduti della Prima guerra mondiale. E questo, a volte, per decine e decine di pagine, gabellando queste aride elencazioni, per lo più di seconda o terza mano, per storia locale.
L'incertezza e persino lo sconcerto di parte degli studiosi nell'approccio a tematiche che fuoriescono dal modello della grande storia generale sono peraltro ben comprensibili e giustificabili. In effetti, a tali problemi è possibile dare solo due risposte. La prima quella del ricorso all'erudizione, con la ricerca paziente dei documenti e la loro analisi ed elaborazione. La seconda quella dell'elaborazione di nuovi modelli storiografici.
Si comprende, quindi, come la vita dello storico locale sia da noi ardua di difficoltà e d'insidie, ma anche non priva di benemerenze e soddisfazioni. Questo è sicuramente il caso di Ottaviano De Biase, che, spinto da una genuina ed apprezzabile passione per la propria terra e la sua storia, da tempo si cimenta nell'ardua impresa della ricostruzione, il più possibile sistematica e non episodica, delle vicende dellalta valle del Sabato, e in particolare di Serino. Compito non facile davvero, e per le ragioni generali già indicate e, paradossalmente, proprio per labbondanza stessa delle fonti documentarie in primis i ricchissimi protocolli dei notai serinesi dell'età moderna, che costituiscono una miniera preziosa e solo assai parzialmente esplorata. I rogiti notarili ci restituiscono, infatti, in tutta la sua pregnanza e varietà, la vivacissima vita economico-sociale della valle del Sabato nell'età moderna, caratterizzata da un commercio interregionale estesissimo e da una concentrazione di attività produttive protoindustriali (ferriere, ramiere, gualchiere, mulini) che aveva pochi paragoni nel Mezzogiorno del tempo.
In conclusione, lo studio di Ottaviano De Biase sollecita e stimola ulteriori filoni di ricerca, a cominciare dalla storia socio-economica del Serinese. Gli assai cospicui sia quantitativamente che qualitativamente protocolli dei notai di Serino del XVI-XVIII secolo, che attendono ancora di essere sistematicamente esplorati e sfruttati, costituiscono in tal senso un prezioso giacimento di fonti documentarie che molte sorprese possono riservare al ricercatore, come pienamente confermano le preziose acquisizioni che costituiscono la base di questo volume.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.