NAPOLES Y EL VIRREY CONDE DE OÑATE: LA ESTRATEGIA DEL PODER Y EL RESURGIR DEL REINO (1648-1653)

napoles_y_el_virrey_conde_de_onatAutore: Ana Minguito Palomares
Titolo: Napoles y el virrey Conde de Onate: la estrategia del poder y el resurgir del Reino (1648 - 1653)
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15);  pagine;  illustrazioni a colori
Luogo, Editore, data: Madrid (Spagna), Silex, 2011
ISBN: 9788477374718
Disponibilita': No


Iñigo Vélez de Guevara e Tassis, VIII conte di Oñate, è il figlio del V conte de Oñate, Ambasciatore agli ordini di Filippo III e Filippo IV. E' sulle sue missioni alle ambasciate in Inghilterra e Roma, e la sua posizione come viceré di Napoli, che si concentra  questo lavoro. Soffocò una delle  rivoluzioni popolari che mise a maggior rischio l'equilibrio della monarchia, la rivoluzione di Masaniello. Ospitò Velazquez  nel suo secondo viaggio in Italia e fu l'artefice di uno dei più ambizioso rinnovamenti urbani della città di Napoli, il suo porto e il suo palazzo reale. Nel mondo della musica il suo nome si distingue come il primo ad aver introdotto in città le commedie in musica, origine delle nostre opere. Nell'Europa della metà del XVII secolo, il trattato di Munster, le rivolte catalana e portoghese , la crisi economica, ma anche il fasto e lo splendore della corte di Filippo IV, l'ottavo conte di Oñate , che ha partecipato a questi eventi come protagonista, fu una delle voci più ascoltate  dal re. Il suo lavoro è stato segnalato dai suoi contemporanei che lo hanno riconosciuto come l'artefice del recupero e rinascita del Regno di Napoli. Questo studio vuole essere un contributo alla sua figura.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.