IL MERCANTE. L’avventura di don Miguel Vaaz, un portoghese nel Regno di Napoli - Nino Masiello

IL MERCANTE. L’avventura di don Miguel Vaaz, un portoghese nel Regno di Napoli - Nino MasielloAutore: Nino Masiello
Titolo: Il mercante
Sottotitolo: L’avventura di don Miguel Vaaz, un portoghese nel Regno di Napoli
Descrizione: Volume in 8° (cm 21 x 14); 240 pagine; illustrazioni a colori.
Luogo, Editore, data: Napoli, Massa, 2010
Collana: "Frammenti di parole" - vol. 12
ISBN: 978-88-95827-27-8
Disponibilità: No

Una grande lapide nella chiesa dell’Ascensione, nel quartiere Chiaia  e una stradina, via Conte di Mola che, penetrando i Quartieri Spagnoli, si arrampica, a pochi passi da via Toledo, lambendo l’antico Palazzo Vaaz diventato Berio, verso la collina dominata da Castel Sant’Elmo: sono le uniche tracce dei quaranta e più anni vissuti a Napoli, sua patria d’adozione, da Miguel Vaaz de Andrade
, per storici antichi e moderni, uno dei più grandi mercanti di grano europei, attivo fino al 1623, anno della sua morte. Vaaz è ricordato dagli storici oltre che per la sua spregiudicata intraprendenza e astuzia, per aver salvato Napoli dalla terribile carestia conseguente alla pestilenza con il grano fatto arrivare dai paesi balcanici.

La lapide posta nel 1698 ricorda che nel 1617, nel giorno della festa dell’Ascensione, don Miguel Vaaz, “conte di Mola in Peucezia, di Bellosguardo, di San Donato, di San Nicandro, di San Michele, governatore di Casamassima e Rutigliano, di nobiltà inglese, portoghese e napoletana”, vide San Pietro dei Celestini nell’atto di proteggerlo e, per “disperdere l’impeto dell’avversa fortuna, prese dimora in questa chiesa”.

Gli agenti del viceré duca d’Ossuna non riuscirono a catturare il mercante accusato di aver a lungo frodato il Regno. Vaaz si rifugiò nella chiesa  iniziando una lunga latitanza che interruppe solo quando, circa due anni dopo, fu assolto al termine di un lungo processo.

Fondatore del Casale S. Michele in Terra di Bari, agli inizi del 1600, Vaaz è sempre stato nella memoria dell’autore, nativo del luogo inventato da Don Miguel intorno a una torre cinquecentesca. In questo libro tra storia e romanzo, Masiello prova ad “avvicinare” don Miguel per raccontarne l’avventura nel Regno di Napoli.

 

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.