GAETANO. MAESTRO SUO MALGRADO - Alfredo Profeta

Gaetano_pAutore: Alfredo Profeta
Titolo: Gaetano.
Sottotitolo: Maestro suo malgrado. L'altra Napoli degli anni Sessanta.
Scritti, racconti, testimonianze e documenti con Gherardo Marone.
Con un Ricordo di Gaetano Macchiaroli di Giorgio Napolitano, e scritti di Francesco De Martino - Alessandro Galante Garrone - Giovanni Spadolini - Attilio Stazio - Mariano D'Antonio - Ugo Leone - Renata Cantilena - Guido D'Agostino - Maria Chiari Villani - Laura Lambiase - Enrica Pozzi - Francesco Macchia - Felice Piemontese - Gaetano Arfè - Giulio Baffi - Umberto Ranieri - Silvia Croce.
Presentazione di Carlo Franco.
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 22 ' 15,5); 237 pagine; illustrazioni, prevalentemente a colori, nel testo e fuori testo.
Luogo, Editore, data: Napoli, Imprint, ottobre 2006
Disponibilita': No

 

Queste Cronache si occupano di una figura eminente nel panorama della cultura italiana degli ultimi settanta anni: Gaetano Macchiaroli (1920 - 2005), editore, filologo e libraio, ma, soprattutto, grande protagonista della cultura e dell'impegno politico a Napoli e in Italia, fino all'ultimo giorno della sua vita. Sono tanti gli uomini di cultura e i politici che, a vario titolo, hanno vissuto da protagonisti o magari anche solo incrociato le attivita' di questo straordinario organizzatore di eventi culturali.



L'autore di questo libro, che di moltissimi di quegli eventi è stato complice e partecipe, intreccia, in un affresco di ampio respiro, le testimonianze e i racconti di decine di personaggi che l'hanno conosciuto e ne hanno condiviso il cammino. la narrazione rivela un narratore affabulante ma non debordante che partecipa al piacere di disegnare un quadro d'insieme che il lettore potra' ricostruire a modo proprio, individuando e riunendo gli indizi disseminati tra le pagine. in questo modo, come nella narrativa poliziesca cara a Giorgio Amendola, diventa possibile ricostruire "una" storia degli ultimi 50 anni a Napoli, di una Napoli altra. L'altra Napoli degli anni sessanta del sottotitolo. Questo libro è una cronaca onesta faticosa dolorosa nata dall'esigenza di tracciare la storia di un intellettuale 'comunista liberale' attraverso i ricordi di un 'giovane' che ebbe Gaetano Macchiaroli come maestro, quello stesso che, nella sua aristocratica umilta', volle per scelta farsi allievo dei 'buoni maestri'.

Come scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che lo frequentò '...nei comuni anni giovanili, sono molti e assai forti i motivi che ci inducono a rievocare e onorare la figura di Gaetano Macchiaroli, se crediamo - e io lo credo - che la trasmissione della memoria storica, anche attraverso il ricordo delle persone e delle generazioni, è condizione essenziale per un'evoluzione consapevole della nostra convivenza civile'.

 


Alfredo Profeta, classe 1937. Appartiene a una generazione che si è formata nel clima delle grandi speranze di rinnovamento e di cambiamento del mondo del dopoguerra. Fa di mestiere il grafico e scrive di musica, il jazz in particolare. Come fruitore e gestore di immagini, ha pubblicato Modo di Ottenere il vino senza usare l'uva, 1973; Segni della citta', 1974; Nella nostra grande modestia, 1974; Thè POOQ hunters, 1975; Andiamo per certe semideserte strade, 1976; Edula, 1991; Voci dal Sud, 1992, Fingerprint, 1994. Questione di Carattere, E SI 1998. Per saperne di più, cercatelo su http://www.imprint-profeta.com

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.