MUSEO DELLA FOLLIA. Da Goya a Maradona - Vittorio Sgarbi, Sara Pallavicini

museo della follia vittorio sgarbi sara parraviciniCuratori: Vittorio Sgarbi, Sara Pallavicini
Titolo: Museo della follia
Sottotitolo: Da Goya a Maradona.
Catalogo della mostra. Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, 3 dicembre 2017 - 27 maggio 2018
Edizione italiana e inglese
Descrizione: Volume in formato 8°; 442 pagine.
Luogo, Editore, data: S.l., Contemplazioni, 2017
Collana: 
EAN: 9788894313307
ISBN: 8894313301
Prezzo: Euro 55,00
Disponibilità: In commercio

Il “Museo della Follia. Da Goya a Maradona”, la mostra itinerante – a cura di Vittorio Sgarbi, realizzata da Cesare Inzerillo, Giovanni Lettini, Stefano Morelli e Sara Pallavicini. Un percorso di oltre 200 opere tra dipinti, fotografie, sculture, oggetti e installazioni multimediali sul tema della follia. “Entrate, ma non cercate un percorso, l’unica via è lo smarrimento”, si legge all’ingresso dell’esposizione, presentata stamattina all’interno del Polo Culturale del centro storico nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, in una cripta gremita di persona.
Francisco Goya, Francis Bacon, Adolfo Wildt Telemaco Signorini, Fausto Pirandello, Antonio Ligabue: sono solo alcuni dei grandi nomi della storia dell’arte riuniti in una dimensione parallela, simile a quella di un ospedale psichiatrico, come quello di Mombello, a cui la mostra riserva uno spazio dedicato all'artista Gino Sandri.
Tra le novità di questa edizione ci sono due imponenti sculture che portano la firma di Cesare Inzerillo. La prima, omaggio alla città di Napoli e alla sua tradizione scaramantica, è un Corno Reale di oltre 3 metri; l’altra è un colossale Apribocca – realizzato su modello del vero presente in mostra – posto in relazione al celebre dipinto “L’adolescente “ di Silvestro Lega. Ma la chicca della versione partenopea, da cui ha origine il sottotitolo, è l’ingresso del mondo del calcio nel mondo dell’arte: il Museo della Follia include, tra le vite di pittori, scultori e poeti, la presenza di Diego Armando Maradona attraverso le radiografie del piede che imitano l’innaturale posizione del gol storico messo a segno contro l’Inghilterra durante i quarti di finale di Messico ’86, oggetto di studio di un noto ortopedico. Uno scatto di quel piede immortalato dallo stesso Maradona è stato inoltre incorniciato ed esposto.

«L’idea di portare la follia fino a Maradona racchiude il concetto del tifo nel calcio – ha spiegato Sgarbi - la sua vita sregolata e il suo caravaggismo allunga la sua follia a quelli a cui la comunica: lui determina degli effetti di pazzia nelle reazioni delle persone che lo hanno guardato come a un Santo».

Tratto da "Il Mattino" versione digitale di Sabato 2 Dicembre 2017

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.