NAPOLI E' TUTTO IL MONDO

Napoli_e_Tutto_il_Mondo_pCuratori: Livio Pestilli, Ingrid D. Rowland, Sebastian Schütze
Titolo: «Napoli è tutto il mondo».
Sottotitolo: Neapolitan Art and Culture from Humanism to the Enlightenment
International Conference, Rome, June 19-21, 2003
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 25 x 17,5); 394 pagine; numerose figure in bianco / nero; Legatura in brossura pesante con copertina in cartone in tondo Magnani blu con impressioni in oro; sovraccoperta in cartoncino Ingres Fabriano bianco con stampa a due colori e plastificazione opaca.
Luogo, Editore, data: Pisa - Roma, Fabrizio Serra, 2008
Prezzo: Euro 125,00
Disponibilita': in commercio

Da quando, nel sesto secolo avanti Cristo, coloni probabilmente della vicina Cuma la fondarono, Napoli si è distinta come una delle grandi capitali della cultura europea, crogiolo e catalizzatore di idee, di culture e di stili, crocevia di uomini e di opere. Questo carattere cosmopolita, questo continuo dialogo con altre culture, questo posizionarsi all'interno di un quadro europeo caratterizzano la storia delle arti e della cultura a Napoli e hanno trovato espressione acuta nella brevitas della sentenza che i curatori (Livio Pestilli, Ingrid Rowland, Sebastian Schütze) hanno voluto adottare come titolo per questo volume: «Napoli è tutto il mondo». Sentenza mirabilmente coniata da Giulio Cesare Capaccio – uomo universale di stampo rinascimentale, poeta, teologo, antiquario e grande istoriografo napoletano – nel suo Forastiero edito nel 1634. La storia di Napoli è profondamente segnata dal dominio di potenze straniere. Attraverso i secoli arte e cultura sono stati strumenti privilegiati per Greci e Romani, per Normanni e Svevi, Angioini ed Aragonesi, Asburgici e Borbonici: per rappresentare il loro dominio politico, ma anche per negoziare con i napoletani la loro identita' politica, sociale e culturale, per trovare compromessi e dialoghi, per ammorbidire tensioni e conflitti, e proporre modelli di convivenza. La centralita' di Napoli come capitale della cultura e delle arti culminava nel secolo dei lumi, quando con la riscoperta delle antichita' greche e romane della Campania Felix, dai templi di Paestum alle citta' vesuviane di Ercolano e Pompei, essa diventava con Roma la meta preferita del Grand Tour, e l'Abendland intero individuava le proprie radici comuni e profonde nella cultura classica. Ed è solo nel corso dell'Ottocento e poi del Novecento che la citta' si ritrovava progressivamente non piu' al centro ma alla periferia dell'Europa. Il convegno, di cui questo volume presenta gli Atti, promosso dall'Accademia Americana e dall'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, insieme al Trinity College/Rome Campus (sede italiana del Trinity College, Hartford, Connecticut) e dalla Bibliotheca Her-tziana (Max-Planck-Institut fur Kunstgeschichte), vuole sottolineare quindi il carattere cosmopolita e l'importanza di Napoli come una delle capitali europee della cultura e delle arti e, nello stesso tempo, offrire un'occasione di dialogo e di confronto a studiosi di diversa formazione e provenienza, focalizzando l'attenzione su i numerosi aspetti di scambio culturale ed artistico che legano la citta' partenopea agli altri centri d'Italia e d'Europa.


Sommario:

«Napoli è tutto il mondo». Arte a Napoli tra Umanesimo ed Illuminismo
N. Bock - Center or periphery? Artistic migration, models, taste and standards
S. Romano - Alfonso d'Aragona e Napoli
H. Rotolo - Contributo all'edilizia napoletana del Quattrocento
G. Toscano - Da lui cominciò ad rinovarsi la antiquita': per la fortuna di Andrea Mantegna a Napoli
A. Beyer - Il Nord che venne dal Sud. Il contributo della Napoli aragonese alla divulgazione e rinascita della pittura sotto il primato fiammingo
A. Stoll - Jusepe de Ribera, Combattimento femminile. Un manifesto interculturale delle passioni ispano-napoletane tra Rinascimento e Barocco
I. D. Rowland - Naples as Image of the World in Giordano Bruno's Candelaio
S. de Cavi - Il palazzo reale di Napoli (1600-1607): un edificio 'spagnolo'?
V. Farina - Un episodio di committenza genovese nella Napoli del primo quarto del Seicento: la Cappella Massa ai Santi Severino e Sossio
D. del Pesco - Il cantiere del Pio Monte della Misericordia a Napoli (1606-1678)
C. de Seta - I viaggiatori stranieri e l'immagine di Napoli nel Seicento
L. Finocchi Ghersi - Luca Giordano a Venezia e la moda dei 'Tenebrosi'
R. Palmer - Making Sense: Neapolitan Illustrated Books in the European Republic of Letters
M. Rak - L'immagine di Napoli nel Seicento europeo
L. Pestilli - Shaftesbury's «amusements [...] morally turned»: Naples 1711-1713
S. Grund - La Pudicizia di Antonio Corradini: la donna velata e la sua fortuna tra Venezia e Napoli
A. Antinori - Settecento napoletano a Roma: Filippo Raguzzini per Benedetto XIII nella chiesa e nel convento di Santa Maria sopra Minerva
C. Gelao, Pasquale Ricca - uno scultore dell'Ottocento tra Napoli, Roma e la Puglia.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.