ADA BRUGES - Antonio Sciotti

ada_bruges_pAutore: Antonio Sciotti
Titolo: Ada Bruges.
Sottotitolo: L'ultima sciantosa di Cantanapoli
La vita artistica (1921 - 1945)
Prefazione di Pietro Gargano
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 24 x 17); 127 pagine; alcune illustrazioni in b/n fuori testo
Luogo, Editore, data: S.l., s. d., Rabo
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: In commercio

 

Graziosa e paffuta, Ada Bruges scoprì di avere talento cantando, quasi per gioco, nel Circolo Spena di Acerra e nel Dopolavoro Ferroviario frequentato dal padre capostazione.
Fece un'audizione col grande tenore Fernando De Lucia: promossa, studiò lirica per sei anni col maestro Sebastiani del San Carlo. Forse per passione, forse per cercare scorciatoie al successo, su consiglio di Ernesto Tagliaferri, si dedicò alla canzone napoletana e al varietà.


Esordì all'Eden di Napoli nel 1919. Da allora fu un crescendo che sorprese lo stesso impresario Resi: concerti, audizioni di piedigrotta, viaggi in America, il primo sul Vulcania dove viaggiava Tito Schipa, oltre all'amicizia e alla stima dei più importanti autori napoletani, soprattutto E.A.Mario.
Ada cantò all'Academy of Music di Brookiyn dove aveva spopolato Beniamino Gigli. Ernesto Murolo la volle nella compagnia, con Parisi, Maldacea e Carlo Buti, che a fine 1931 fondò il Festival di Sanremo. Di Massa definì "luminosa e pittoresca" la napoletanità della Bruges, che si ritirò nel primo dopoguerra.
Per l'addio le fu riservato l'onore del San Carlo. Tremava, Alberto Amato dovette accompagnarla al proscenio; ma aveva paura del microfono, oggetto allora desueto, non certo del pubblico.
Era stato proprio Amato, non molto tempo prima, a convincerla ad usare il nuovo mezzo. Accadde nella Piedigrotta Epifani in giro per l'Italia.
Per la prima volta, nella strepitosa carriera, Ada aveva colto qualche segno di dissenso. Andò in lacrime nel camerino del collega che le disse "Signò, provate almeno una volta". Ada accettò il consiglio, usò il microfono e il Politeama di Genova fu per lei un unico applauso.
Morì a 77 anni, è sepolta nella congrega dei Caprettari al Monumentale.
Ada Bruges incarnò le contraddizioni della diva napoletana: fatale in palcoscenico, con la sua bellezza florida e la voce carnale; semplice e modesta nella vita. Seppe ritirarsi al momento giusto, dopo che la guerra aveva spazzato pure i gusti del suo tempo. E fu bello che fosse il San Carlo a ospitarla per il congedo.

 

Antonio Sciotti, napoletano, classe 1967, figlio e nipote d arte, ha ereditato dal padre una mirabile collezione di cimeli legati alla canzone classica napoletana.
Saggista, scrittore e storico del teatro e della canzone partenopea, si occupa attivamente di tutto il movimento relativo al recupero della memoria storica del mondo di Cantanapoli.
Dal 2007, per l'Associazione Edis Teatro, presenta, a cadenza mensile, "Serate d'autore", ciclo di spettacoli musicali che trattano personaggi e storiche manifestazioni napoletane del '900.
Cura gli archivi musicali della casa editrice La Canzonetta e collabora con diversi mensili di collezionismo musicale.
Ha scritto la biografia "Gilda Mignonette: Napoli New York solo andata" (Ed. Magmata) e "L'Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1970" (Ed. Luca Torre), Ha scritto il saggio "Le Voci di Little Italy" per il libro "La Canzone dell Emigrazione" di Federico Vacalebre. Collabora alla "Nuova Enciclopedia Illustrata della Canzone Napoletana" di Pietro Gargano.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.