I "PORI" DI NAPOLI. Il cinema di Mario Martone, Antonio Capuano e Pappi Corsicato - Roberta Tabanelli

i_pori_di_napoli_tabanelliAutore: Roberta Tabanelli
Titolo: I "pori" di Napoli
Sottotitolo: Il cinema di Mario Martone, Antonio Capuano e Pappi Corsicato
Descrizione: Volume In 8°; 191 pagine
Luogo, Editore, data: Ravenna, Longo, febbraio 2011
Collana: Il Portico. N. 154
ISBN: 97888 80636632
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilità: In commercio

 

Agli inizi degli anni Novanta Napoli è in fermento: sono gli anni del “rinascimento” del governo Bassolino e della “scuola napoletana”, come fu definito un gruppo di cineasti che esordirono quasi contemporaneamente al cinema facendo esultare la critica. A 20 anni di distanza, il “nuovo cinema napoletano” è ormai entrato nella storia del cinema italiano e tra i “vesusiani”, Mario Martone, Antonio Capuano e Pappi Corsicato si distinguono non solo per il maggior numero di film che ruotano attorno a Napoli, ma soprattutto per la loro ricerca sulla lingua filmica e la loro rivisitazione e negoziazione dell’ingombrante tradizione nostrana del neorealismo. Nella “porosità” di Napoli, secondo la bella metafora di Walter Benjamin, la struttura tufacea, spugnosa della città, che tutto assorbe e tutto fa compenetrare, i suoi artisti ne traspirano l’instabilità di confini e criteri, creando un cinema vitale, spesso iconoclasta, sperimentativo, composito, imprevedibile. L’analisi strutturale del cinema “poroso” di Martone, Capuano e Corsicato proposta in questo volume vuol dare visibilità e riconoscimento all’originale vitalità delle visioni di corpi, strade e cinema di tre dei più originali registi emersi in Italia negli ultimi due decenni.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn