LA NAPOLI DI BELLAVISTA - Luciano De Crescenzo

LA NAPOLI DI BELLAVISTA - Luciano De CrescenzoAutore: Luciano De Crescenzo
Curatore:
Titolo: La Napoli di Bellavista
Sottotitolo: Sono figlio di persone antiche
Seconda edizione
Descrizione: Volume con copertina rigida, con sovracoperta, di cm 25 x 18; 142 pagine; numerose foto in b/n alcune a piena/doppia pagina; sovracoperta con minimi segni d'uso ed una piccola gora d'acqua al margine superiore; lievi fioriture sparse, più evidenti all'interno della sovracoperta e nei risguardi; firma a penna al risguardo anteriore.
Luogo, Editore, data: Milano, Mondadori, novembre 1979
Collana: 
ISBN: 
Condizioni: buone
Prezzo: Euro 25,00
Disponibilità: 1 esemplare

 


richiedi informazioni

Quasi un secolo dopo la pubblicazione a firma di Francesco De Bourcard del libro "Usi e costumi di Napoli e dintorni", libro per l'edizione del quale il De Bourcard si avvalse dell'aiuto dei maggiori scrittori napoletani dell'epoca, quali il Mastriani, il Rocco, il Dalbono, e di grandi pittori come Filippo Palizzi, Paolo Mattei e Teodoro Duclere, Luciano De Crescenzo sente il bisogno di rifare il punto della situazione e fa tutto da sé. Non avendo a disposizione un Palizzi, per le immagini si avvale della sua macchina fotografica, mentre per le descrizioni dei mestieri» continua il discorso già cominciato nel suo Cosi parlò Bellavista.

150 fotografie e una trentina di «fattarielli» bellavistiani daranno al lettore la sensazione di vivere all'interno di questa stranissima città.
Si tratta di flash, interviste e racconti che a volte divertono e a volte fanno pensare.

È cambiata Napoli dai tempi di De Bourcard? È difficile dirlo. Oggi ovviamente i napoletani, in particolare i giovani, hanno acquisito una diversa coscienza sociale e politica, purtuttavia resta immutato il carattere di questo popolo che mentre copre con uno strato di humor il suo tragico-quotidiano, rivela sempre nel modo di essere una profonda malinconia. Non a caso De Crescenzo voleva intitolare questo libro: «Sono figlio di persone antiche».

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.