NAPOLI ROMANTICA 1830 1848- Edmondo Cione

Napoli Romantica Edmondo CioneAutore: Edmondo Cione
Curatore:
Titolo: Napoli Romantica. 1830 - 1848
Sottotitolo:
Descrizione: Volume in formato 8°; 606 pagine.
Luogo, Editore, data: Marsciano (PG), Bertoni
Collana: 
ISBN: 9788855351010
Prezzo: Euro 38,00
Disponibilità: In arrivo

 


richiedi informazioni

Ampio affresco della cultura e della società napoletane nell'età romantica, attentissima allo sviluppo e alle forme della filosofia, delle lettere, delle arti figurative, della musica, della storiografia, del pensiero economico.
"La ricerca appassionata e puntuale sulla vita del primo Ottocento napoletano (Napoli romantica, Milano 1942) non poteva non approdare alla constatazione del suo carattere provinciale. Le masse vi appaiono coine comparse di secondo piano, quasi bozzetti a completamento di un disegno il cui protagonista è lo sviluppo culturale. Scarsi i riferimenti al ciclo economico europeo, non propriamente favorevole a Napoli, il malessere napoletano interpretato come un'incapacità tutta locale di liberarsi dai languori e dalle malinconie romantiche di origine più spirituale che socioeconomica." (Gennaro Incarnato in D.B.I., XXV, 1981). La Ruota della Fortuna, 2.

Indice:
- I: Il romanticismo storicistico (Il tramonto della filosofia settecentesca; Eclettismo. hegelismo e vichismo; Le discipline sussidiarie della storiografia. gli storici minori e Luigi Blanch; Lo storicismo romantico e l'idealità liberale e nazionale; Il racconto e il romanzo storico; Il nazionalismo letterario e filosofico ed il purismo linugistico; Gli studi del Puoti e del De Sanctis.
- II: Il ormanticismo artistico (Le arti figurative; La musica e la cultura musicale; Il tramonto dell'Arcadia e del neoclassicismo; Il romanticismo moderato in letteratura; Il romanticismo estremista; Il realismo romantico. la letteratura popolareggiante e un tentativo di romanzo sociale; Il romanticismo calabrese. -
Conclusione: La vita economica, sociale e politica e le origini spirituali della rivoluzione del '48.

Edmondo Cione (Napoli, 1908-ivi, 1965), dopo essere stato per un ventennio il discepolo preferito di Benedetto Croce (che lo chiamava familiarmente "o' vaccariello"), si allontanò poi dal filosofo per vari dissensi sia culturali che politici; in seguito Cione si compromise con la Repubblica Sociale Italiana e, a fascismo caduto, con l'"Uomo Qualunque" di Giannini. Egli fu autore di volumi sul De Sanctis, su Croce, sullo storicismo, su Leibniz, sulla storia napoletana etc., sempre documentati e non privi di giudizi penetranti. Italiano

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.