IL CAFFÈ E NAPOLI - Lejla Mancusi Sorrentino

il caffe e napoli lejla mancusi sorrentinoAutore: Lejla Mancusi Sorrentino
Titolo: Il Caffè e Napoli
Sottotitolo:
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 160 pagine, con 12 illustrazioni tratte da antiche stampe. Pregiata edizione su carta pesante in elegante astuccio
Luogo, Editore, data: Napoli, Grinaldi & C., 2017
ISBN: 9788898199556
Prezzo: Euro 30,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

E' la storia affascinante del lungo viaggio compiuto dal caffè nel corso dei secoli per affermarsi e diventare la bevanda preferita da quasi tutti i popoli del mondo e, in particolare, dei napoletani.
L'autrice riporta leggende, testimonianze letterarie, opinioni scientifiche, dispute mediche, controversie religiose che hanno di volta in volta promosso o contrastato la diffusione del caffè dei vari periodi storici e nelle diverse civiltà.
Mentre in molte città italiane, come Venezia, Firenze, Milano, Torino, la scura bevanda si affermava con successo essi aprivano locali eleganti dove consumarla, a Napoli stentava a decollare, servita sporadicamente nei ricevimenti di nobili e ricchi per ostentare raffinato esotismo.
Finalmente, nella seconda metà del Settecento il caffè ebbe la sua consacrazione grazie a Vincenzo Corrado, massimo gastronomo napoletano, che nel 1773 pubblicò il primo trattato napoletano sul caffè.
In breve, anche il Napoli ebbe i suoi Caffè che sorsero come funghi, una miriade, eleganti e raffinati, dove si svolse la vita intellettuale ottocentesca della borghesia napoletana, o modesti e popolari per una clientela meno esigente.
Brevi note sono dedicate, nel libro, ai Caffè più importanti, quasi tutti scomparsi.
Il nero infuso entrò con prepotenza a far parte della realtà napoletana in tutte le classi sociali e si moltiplicarono studi scritti su caffè tra cui il più importante fu il lavoro di Gaetano Picardi, illustre medico a Napoli nella metà dell'Ottocento, intitolato "Del caffè - racconto storico medico", in cui l'argomento è analizzato sotto tutti punti di vista, perché, afferma Picardi, "la bevanda del caffè è famigliare come il pane e il riso appo le nazioni incivilite". Ad esso è dedicata la seconda parte del libro Dove la Marcuzzi riporta e commenta numerosi passi del Picardi il quale conferma che l'arrivo del caffè promosse nella vita di tutti i popoli un'autentica rivoluzione.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.