IL VESUVIO, I CAMPI FLEGREI E I NAPOLETANI - Antonino Palumbo

IlVesuvioICampiFlegreipAutore: Antonino Palumbo
Titolo: Il Vesuvio, i Campi Flegrei e i Napoletani.
Sottotitolo: Che cosa potra' accadere e quando.
Descrizione: Volume in 8° (cm 24 x 19); pp. 175.
Luogo, Editore, data: Napoli, Liguori, febbraio 2003
Disponibilita': No

 

In questo libro il lettore
(i) percorre un breve itinerario storico del pensiero scientifico, ed in particolare degli approcci metodologici disponibili per la previsione a lungo termine degli eventi catastrofici, i quali, però, si sono dimostrati inefficaci per le eruzioni vulcaniche;


(ii) segue alcuni modelli, messi a punto ed applicati dall'autore ai due vulcani attivi napoletani, anche in maniera comparativa, ed alla luce dei principi generali che governano l'evoluzione dei sistemi naturali;
(iii) accerta l'improbabilita' di una prossima eruzione vesuviana, i cui effetti potranno facilmente valutarsi, tenuto conto dell'attuale assetto dei territorio e della descritta tipologia del prossimo evento, dei tutto analogo a quello, ben noto, dei 1631;
(iv) potra', infine, soffermarsi sull'analogia fra il principio cosmologico di Einstein e quello sulla costanza della potenza media, evidenziato dall'autore nel dominio temporale.

L'applicazione di questo principio e della Palumbo map ai dati dei Campi Flegrei, ha confermato l'attuale stato di criticita' e di instabilita' del vulcano, che può preludere ad una prossima eruzione.
Questa, come dimostrato nel testo, potrebbe avvenire poco tempo dopo, ed a seguito di una sollecitazione indotta da un forte terremoto vesuviano o campano. Il centro eruttivo sarebbe ubicato nella zona centro-orientale del comune di Pozzuoli o nella fascia litoranea prospiciente, con conseguenze disastrose facilmente immaginabili, anche per la concomitanza del maremoto che accompagnerebbe l'eruzione.
Il testo propone, per il Vesuvio, dei suggerimenti operativi originali atti a ridurre i danni di un'eruzione certo molto lontana nel tempo fra i quali lo spostamento del plume vulcanico e l'impedimento della formazione delle nubi ardenti e del tappo lavico terminale; per i Campi Flegrei suggerisce la destinazione alla popolazione puteolana, attualmente esposta ad alto rischio di eruzione, dell'adiacente ex area industriale di Bagnoli. Il libro termina con una critica ai piani di evacuazione, i quali non hanno tenuto conto del carattere del Napoletano, la cui storia plurimillenaria, riportata ad hoc, lo ha abituato a fidarsi soltanto della propria autonomia decisionale.
l libro è dedicato ai vulcanologi e studiosi di scienze della terra; a chi lavora, a vario titolo, nella Protezione Civile.

Antonino Palumbo Professore ordinario di meteorologia e oceanografia nell'Universita' Federico II di Napoli, è autore di 200 articoli su riviste a diffusione internazionale e sostenitore della cultura integrale. Fra i suoi libri piu' recenti L'Ecosistema Terra nel canto dell'Universo (A. Guida Ed. 1992), Dalla Fisica alla Metafisica (E.DI.S.U. Napoli 1, 2001), Futuro prossimo (Laterza, 2002), Perché (Laterza, 2003).

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.