GIUSEPPE SANMARTINO, ANGELO VIVA - Andrea Bacchi

Giuseppe_Sanmartino_Angelo_Viva_pAutore: Andrea Bacchi
Titolo: Giuseppe Sanmartino, Angelo Viva
Sottotitolo: E gli Evangelisti della cappella Pappacoda
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 28 ' 21); 47pagine; 45 illustrazioni in b/n e a colori, 10 delle quali a tutta pagina.
Luogo, Editore, data: Firenze, Polistampa, settembre 2009
Collana: Note libere. Appunti di Storia dell'Arte curati da Massimo Vezzosi. N. 2
ISBN: 97888 59606611
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilita': In commercio

 

Quando s'intraprende lo studio di un bozzetto in terracotta, non sempre l'individuazione della scultura monumentale di cui il modello riflette la fase preparatoria costituisce il punto di arrivo della ricerca. Talvolta, soprattutto nel caso di scultori celebri e quindi largamente imitati, è ricorrente l'eventualita' di imbattersi in terrecotte che non sono state eseguite da questi maestri ma sono semplicemente derivazioni, di qualita' piu' o meno alta, dai loro prototipi ; di contro risulta piu' volte attestata anche la circostanza di uno scultore che fornisce modelli messi successivamente in opera da altri artisti.

È quanto, secondo Andrea Bacchi, accade nel caso di due inedite terrecotte raffiguranti San Luca e San Matteo. I bozzetti intorno cui verte il volume vanno collegati a due statue di marmo che si conservano nella chiesa di San Giovanni dei Pappacoda a Napoli e sono opere documentate di Angelo Viva (1748-1837). Nondimeno i loro caratteri stilistici rimandano in modo inequivocabile alle opere di Giuseppe Sanmartino (1720-1793). Grazie anche al ricco apparato iconografico, il volume dimostra che, senza il legame con questi marmi, le due terrecotte sarebbero state inevitabilmente riferite a Sanmartino.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn