IL BELLO O IL VERO. La Scultura Napoletana del Secondo Ottocento e del Primo Novecento - Isabella Valente

il bello o il vero isabella valente

Curatrice: Isabella Valente
Titolo: Il Bello o il Vero
Sottotitolo: La Scultura Napoletana del Secondo Ottocento e del Primo Novecento.
Contiene le Biografie degli Artisti.
Catalogo di mostra. Napoli, Basilica e Convento di San Domenico Maggiore, 30 ottobre 2014 - 31 gennaio 2015

Descrizione: Formato 4°; 596; illustrazioni e tavole in b/n e a colori; Kg 4,25
Luogo, Editore, data: Castellammare di Stabia (Na), Nicola Longobardi Editore, 2014
Prezzo di copertina: Euro 120,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni



La scelta di delineare un percorso incentrato sulla scultura napoletana, risponde all' esigenza critica di riportare alla luce quel paesaggio artistico che andò formandosi tra secondo Ottocento e primo Novecento, le cui tracce sono rimaste sepolte troppo a lungo, a margine della storiografia e tralasciate dalle occasioni espositive. La mostra Il Bello o il Vero, dunque, segue un'impostazione metodologica precisa, con opere provenienti dalle collezioni private e dai musei pubblici, che raccontano la storia di un periodo complesso, caratterizzato da una forte connotazione territoriale ed estremamente recettivo verso gli influssi europei.


Dopo l'esaurimento dei temi del Romanticismo, ridotto a genere ripetitivo e sentimentale, la letteratura, la filosofia e l'arte figurativa sperimentarono un nuovo atteggiamento nei confronti del mondo, nel segno di una rinnovata corrispondenza tra i sistemi espressivi e la realtà delle cose. In Francia, i romanzi di Émile Zola e Guy de Maupassant erano stati influenzati dal pensiero positivista di Henri de Saint-Simon e Auguste Comte. In Inghilterra, Charles Darwin formulava la teoria dell'evoluzione delle specie animali e vegetali, basandosi sulla ricerca e sull'osservazione diretta dei fenomeni. Questi fermenti furono recepiti dall'ambiente italiano, che ne diede una lettura originale. Per questo, la corrente verista, i cui fondamenti teorici furono esposti da Luigi Capuana, può essere considerata un'attitudine storicamente fondata ma svincolata da canoni cogenti. Così, si possono rintracciare personalità pur diverse, come Giosuè Carducci e Giovanni Verga, ma accomunate dallo stesso atteggiamento.

In questa temperie, Napoli ebbe un ruolo di primo piano. La città, non più solo romantica ed esotica meta del Grand Tour, "l'incantevole sirena" di Ettore Bernich, assunse una prospettiva sfaccettata, percorsa dai pesanti interventi urbanistici del Risanamento e della crescita postunitaria. In particolare, fu luogo dell'attività di artisti, scuole e movimenti, che svilupparono i temi del verismo e si inserirono dialetticamente in ambito europeo. Dal vedutismo oleografico della Scuola di Posillipo, animata da Giacinto Gigante,fino alla severità del reale della Scuola di Resina, cresciuta intorno alle figure di Adriano Cecioni e Giuseppe De Nittis, si andava delineando una decisiva trasformazione del linguaggio.

Un contesto di grande vivacità creativa che, nella scultura, trovò il mezzo più adatto per esprimere la nuova sensibilità. È ormai noto che un forte impulso verso il tratto realistico del soggetto, a scapito dell'idealizzazione di ascendenza classica, sia stato dato da Stanislao Lista, tra i maestri più influenti del Real Istituto di Belle Arti. Tutta la nutrita schiera degli allievi di Lista - da Vincenzo Gemito ad Achille d'Orsi, da Giovan Battista Amendola a Raffaele Belliazzi, da Francesco e Vincenzo Jerace a Costantino Barbella, da Filippo Cifariello a Giuseppe Renda - fu protagonista del panorama culturale, non solo napoletano, della seconda metà del secolo e almeno dei primi vent'anni del successivo. Anche Adriano Cecioni, presente a Napoli tra il 1863 e il 1867, come pensionato dell'Accademia fiorentina, sviluppò la lezione di un realismo ibridato con lo stile dei macchiaioli toscani.

Il Bello o il Vero, allora, vuole dare impulso alla riflessione della critica specializzata e del pubblico su una storia ancora da scoprire, mettendo in primo piano la qualità della ricerca, coniugando progresso scientifico, divulgazione della conoscenza e godimento estetico.

ARTISTI IN MOSTRA:

Giovan Battista Amendola (1848 - 1887) - Tito Angelini (1806 -1878) - Alfonso Balzico (1825 - 1901) - Costantino Barbella (1852 - 1925) - Raffaele Belliazzi (1835 - 1917)- Gennaro Cacciapuoti (1872 - post 1916)- Emanuele Caggiano (1837 - 1905)- Italo Campagnoli (1859 - 1931)- Adriano Cecioni (1836 - 1886)- Gaetano Chiaromonte (1872 - 1962)- Filippo Cifariello (1864 - 1936)- Pasquale D'Angelo (1896 - 1955)- Nicola D'Antino (1880 - 1966)- Achille Della Croce (? - ?)- Luigi De Luca (1857 - 1938)- Giovanni De Martino (1870 - 1935) - Francesco De Matteis (1852 - 1917)- Antonio De Val (1895 - 1973)- Carlo De Veroli (1890 - 1938)- Achille d'Orsi (1845 - 1929)- Pasquale Duretti (1867 - 1938)- Pasquale Fosca (1852 - 1929)- Emilio Franceschi (1839 - 1890)- Oronzo Gargiulo (1869 - 1917)- Gesualdo Gatti (1856 - 1893)- Saverio Gatto (1877 -1959) - Vincenzo Gemito (1852 - 1929)- Giacomo Ginotti (1845 - 1897)- Francesco Jerace (1853 - 1937)- Vincenzo Jerace (1862 - 1947)- Domenico Jollo (1866 - 1938)- Stanislao Lista (1824 - 1908)- Raffaele Marino (1868 - 1957) - Domenico Marzatico (notizie 1881)- Francesco Paolo Michetti (1851 - 1929)- Rocco Milanese (1852 -?)- Pasquale Monaco (1902 - 1984)- Enrico Mossuti (1849 - 1920)- Francesco Parente (1885 - 1969)- Giuseppe Pellegrino (? - ?)- Federico Percopo (1860 -?) - Giuseppe Renda (1859 - 1939)- Eduardo Rossi (1867 - 1926)- Eugenio Rossi (1905 -?)- Michelangelo Russo (1917 -?) - Tommaso Solari (1820 - 1889)- Giuseppe Antonio Sorbilli (1824 - 1890)- Francesco Saverio Sortino (? - ?)- Odoardo Tabacchi (1831 - 1905)- Giovanni Tizzano (1889 - 1975)- Ennio Tomai (1893 -1969).

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.