IL MONDO DI VESNA - Maurizio Cimino

Il_Mondo_di_Vesna_pAutore: Maurizio Cimino.
Titolo: Il mondo di Vesna .
Catalogo fotografico. Mostra tenutasi a Napoli presso il Complesso Museale di Santa Chiara dal 29.10.2005 al 08.01.2006.
Introduzione di Enrica Amaturo, Preside della Facolta' di Sociologia - Universita' di Napoli Federico II
Testo introduttivo in italiano e francese.
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15,50); 272 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, La Citta' del Sole, 2006
Prezzo: Euro 20,00
Prezzo in offerta: Euro 15,00
ISBN: 88-8292-300-2
Disponibilita': In commercio

Il volume si compone di 39 foto in bianco e nero, che costituiscono il nucleo pulsante di un ampio reportage, in cui lo sguardo indagatore dell'artista si avvicina alla cultura Rom senza pregiudizi, ma con la curiosita' di chi vuole conoscere un mondo che ogni giorno incontriamo ed incrociamo frettolosamente. Gli scatti di Cimino ritraggono Vesna, una bambina Rom che ha vissuto nel campo nomadi di Secondigliano, alla periferia di Napoli, e il suo mondo fatto di persone dall'aspetto intelligentemente furbesco e di luoghi desolanti; un mondo popolato da bambini dal volto angelico e da donne e uomini dall'aria vissuta, che ti scrutano dentro con i loro sguardi ammiccanti e profondi.

Le foto di Cimino attraggono lo sguardo dell'osservatore in maniera semplice e diretta ed hanno il merito di introdurci in punta di piedi in un mondo poco conosciuto, 'altro', diverso.

Gli scatti dell'artista, infatti, senza indugiare su immagini irrispettose della dignita' umana, raccolgono frammenti di una vita di strada, in cui si alternano gesti semplici, come la preparazione della crema per il caffè, si sottendono relazioni e tradizioni sociali ataviche cementatesi nei secoli (il discendente, cugini, sociogrammi, incongruenze), si intuisce il ruolo centrale della musica (in treno) e si percepisce la gioia di vivere (vieni a vedere) e la disperazione rabbiosa (rabbia) del mondo nomade. Alla fine del viaggio l'obbiettivo di Cimino, dopo aver ruotato senza posa intorno al mondo dei Rom, si ferma ed immortala la dolcezza di Vesna, che al pari di una piccola Venere reclina il volto.


Introduzione di Enrica Amaturo, Preside della Facolta' di Sociologia - Universita' di Napoli Federico II

A qualcuno potrebbe sembrare strano che un sociologo scriva un commento al lavoro di un fotografo. Al contrario, invece, il rapporto tra arte fotografica e scienze sociali diviene nel tempo sempre piu' stretto: se da sempre la fotografia è un supporto indispensabile per la ricerca antropologica, da trent'anni a questa parte si va consolidando – negli Stati Uniti prima e in Europa poi – un filone di studio e di indagine che prende il nome di 'sociologia visuale'. In questo approccio la fotografia non è piu' considerata per la sua valenza estetica, ma diviene vero e proprio strumento di indagine empirica, sguardo che scava nella realta' sociale contribuendo spesso a metterne a nudo le contraddizioni, con una evidenza sicuramente piu' immediata e coinvolgente di quanto possa fare un testo scritto. Ciò è particolarmente vero quando divengono oggetto di analisi la marginalita' e l'esclusione sociale, come appunto è il caso delle foto di Maurizio Cimino di un campo Rom nei dintorni di Napoli. Non uso a caso il termine 'analisi' in quanto mi sembra che l'autore, pur partendo da un'esperienza artistica, centri in pieno alcuni degli obiettivi di quella che siamo abituati a chiamare la ricerca qualitativa in questo settore: la narrazione della quotidianita' di un gruppo sociale, l'individuazione di caratteristiche che ne definiscono l'identita' di gruppo, ma soprattutto la capacita' di evidenziare la sconvolgente normalita' con cui è vissuto il disagio. Certo, lo sguardo di un fotografo è soggettivo. Oggi però stiamo imparando a capire come anche la scienza interpreti il mondo a partire da un punto di vista, e come l'unica possibile garanzia di oggettivita' consista nell'esplicitazione di questo punto di vista, sia in senso metodologico che concettuale.

Maurizio Cimino, Nasce il 29.09.2969 a Washington d.c., vive e opera a Napoli
Compie gli studi a Napoli conseguendo la laurea in scienze politiche nel 1996 con tesi in pianificazione territoriale. Ex borsista presso l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici dal 1997 al 1999
Fotografa dal 1997 pubblicando su diverse testate (il mattino, repubblica, Zai.net)
Insegna fotogiornalismo nelle scuole partenopee con la cooperativa giornalistica Reporter dal 1998
E' Collaboratore Tecnico presso il Laboratorio Audiovisuale della Facolta' di Sociologia dell'Universita' Federico II di Napoli; si occupa di sociologia visuale e identita' Rom

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.