BENEDETTO CROCE E LA SUA NAPOLI - Renato Caserta

Benedetto_Croce_e_la_sua_Napoli_pAutore: Renato Caserta
Titolo: Benedetto Croce e la sua Napoli.
Sottotitolo: Prefazione di Arturo Fratta.
Descrizione: Volume in 8° (cm 23 x 15); 149 pagine;
Luogo, Editore, data: Napoli, Arte Tipografica, dicembre 2004
Prezzo: Euro 13,00
Disponibilita': In commercio

Dalla Prefazione di Arturo Fratta:
"Questo libro, dedicato ai vincoli che legarono Benedetto Croce alla "sua" Napoli, è destinato ad assumere una valenza di attualita', nonostante possa sembrare uno sguardo rivolto esclusivamente al passato. La particolarita' di luoghi, costumi, sentimenti nella quale Croce si senti' immerso e che indagò nella sua storia e nella sua quotidianita', difendendola a volte da se stessa, è difatti oggi banalizzata, minacciata, tradita, spesso per ignoranza, a volte per un provincialismo di' cui purtroppo non ci si rende conto.

L'interesse di questa ricerca è da scorgere nel confronto, che naturalmente si propone, tra la situazione presente e il modo di sentire e di vivere l'appartenenza a una delle piu' grandi e antiche citta' d'Europa, scrupolosamente e finemente osservata da Renato Caserta nelle testimonianze lasciate da Croce che, tra Ottocento e Novecento, fu tra le piu' alte espressioni del ceto intellettuale a Napoli sempre partecipe di una dimensione appunto europea.
La contemporaneita' di un passato che Croce indagò e interpretò nella sua grandezza e nelle sue miserie, storicizzandolo, perché altri sapesse, in un percorso conoscitivo confortato di un amore costante e pudico, un percorso che Renato Caserta ricostruisce con la scrupolosa professionalita' sempre presente nei suoi scritti, è manifesta alla luce di queste perfino ovvie considerazioni.
Il clima di superficialita' e di approssimazione nel quale viviamo non lascia intravedere nessun bisogno di autenticita', che pur sarebbe opportuno nell'approccio a una citta' come Napoli, alla sua storia, alle sue tradizioni, da parte di chi disinvoltamente ne distorce l'immagine, come non sarebbe consentito in altre antiche citta' d'Italia.
Ma per chi voglia conoscere il vero significato di una realta' viva da millenni tra altissime luci e abissi di negativita', l'attenta ricostruzione operata da Caserta sulle pagine di' Croce costituisce un'operazione opportuna e finora mai tentata con organicita'."



Sommario:
Prefazione
Introduzione
La "mia" Napoli
"Un cuore nel cuore"
"Il mio animo si fa antico"
La Societa' di Storia Patria
L'Accademia Pontiana
La casa di Largo Arianello
Palazzo Filomarino
Difesa di una chiesetta storica
Il Museo e il "provvisorio"
La Biblioteca Nazionale in Palazzo Reale
Per l'Acquario Dohrn
"La Critica"
Una lapide per Giambattista Vico
La religiosita' popolare e Alfonso de' Liguori
La validita' del dialetto
Cunto de li cunti
Salvatore Di Giacomo grande poeta
Pulcinella, Don Felice e il "figlio di Jorio"
La storia del Regno di Napoli
L'Istituto Italiano per gli Studi Storici
Nota bibliografica
Indice dei nomi

 

Renato Caserta, giornalista professionista. Laureatesi in Lettere nel 1942, prosegui' negli studi universitari (Filosofi'a e Giurisprudenza), ma intanto aveva iniziato l'attivita' giornalistica gia' nel 1943, lavorando al settimanale La Liberta' e, fin dalla fondazione, al quotidiano di ispirazione crociana Il Giornale, dove fu redattore politico, articolista di Terza pagina, e tenne una delle prime rubriche di critica televisiva in Italia.

Nel 1947 entrò all'Istituto Italiano per gli Studi Storici fondato da Benedetto Croce. Collaboratore letterario della RAI-TV e di vari giornali e periodici, addetto stampa dell'Ente per la Canzone napoletana.

Redattore del quotidiano Il Mattino, è stato resocontista parlamentare, notista politico, vicecapo della Redazione romana e articolista di tematiche culturali. Direttore dal 1972 dell'agenzia di stampa Iter Parlamentare con vari numeri "speciali".

Ha pubblicato un volume sul ritorno dei giornali alla liberta' (Quel buio a Napoli: 1943-44), una storia dei Festival napoletani 'tra cultura e folklore', il libro Le voci liriche cantano Napoli (ed. ABA), l'opuscolo Tre direttori (profili dello storico e giornalista Carlo Zaghi e dei giornalisti Manlio Lupinacci e Guglielmo Emanuel), Attualita' dei Discorsi di Benedetto Croce (Napoli, Arte Tipografica, 2002), Ai due lati della Barricata - La Resistenza a Napoli e le Quattro Giornate (Napoli, Arte Tipografica, 2003).

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.