VITA DI AVVENTURE, DI FEDE E DI PASSIONE - Benedetto Croce

VITA DI AVVENTURE, DI FEDE E DI PASSIONE - Benedetto CroceAutore: Benedetto Croce
Titolo: Vita di avventure, di fede e di passione
Sottotitolo: Filippo di Fiandra, Il conte di Campobasso, Il marchese di Vico, Isabella di Morra, Diego Duque de Estrada, Carlo Laubero
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15);  pagine VIII-446; leggere bruniture, ottimo
Luogo, Editore, data: Bari, Laterza, 1936
Collana: Scritti di Storia e Letteratura Politica. N. XXX
Prezzo: Euro 50,00
Disponibilità: 1 esemplare

AVVERTENZA
Mi è accaduto, nel corso delle mie letture e indagini, di sentirmi attirato dalle figure di alcuni uomini, le cui vite, ricche di vicende e di contrasti, trabalzate e trapiantate dalla fortuna in paesi lontani e diversi, impersonavano drammaticamente le condizioni e le lotte politiche e morali dei tempi loro. Mi pareva che, a ben raccontarle, si potesse appagare l'immaginazione, che si diletta dello straordinario e inaspettato, senza perciò deludere le richieste della seria intelligenza storica.

Un incentivo a porre in atto questo disegno mi venne dalle cosi dette "biografie romanzate", deplorevolissime, e che in ragione dello stesso favore onde sono state accolte, attestano, a dir vero, una certa decadenza nell'accorgimento critico, nella severità etica e altresì nel buon gusto ai giorni nostri. Pensai che si potesse fare il preciso opposto di ciò che quelle fanno: attenersi alla più scrupolosa acribia nella documentazione e ricostruzione biografica (quelle, invece, maltrattano i documenti, li alterano con capricciosi frastagli e li mischiano di spiritose invenzioni); riattaccare i casi degl'individui ai problemi delle loro età (quelle biografie staccano gl'individui da questi problemi e li contemplano e li godono quasi ciechi complessi di nervi, eccitabili e variamente eccitati); e tuttavia, come dicevo, appagare in certa misura la fantasia mercé la particolarità dei fatti e la vivezza del racconto.

Perciò, raccogliendo sei di siffatte biografie (con la prima si risale al secolo decimoterzo e con l'ultima si entra nel decimonono), le avrei voluto, per ironica imitazione di «vite romanzate», intitolare: «vite romanzesche»; romanzesche per la loro materia, cioè per la fisionomia dei casi che ritraggono, e non già per il modo di trattazione, che vuoI essere unicamente storico. Ma poi mi sono risoluto per un titolo che fosse meno aperto agli equivoci.

Pubblicate dapprima in riviste e in atti accademici, queste biografie sono state accuratamente rivedute e in più punti accresciute eli notizie e documenti nella nuova edizione, che perciò è da sostituire alle precedenti.
Napoli, marzo 1935
B. C.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.