IL REGNO PERDUTO. Quando il Sud era l’Italia - Antonino Ballarati

il regno perduto ballaratiAutore: Antonino Ballarati
Titolo: Il regno perduto
Sottotitolo: Quando il Sud era l'Italia
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 22 x 15); 160 pagine;  illustrazioni a colori
Luogo, Editore, data: Napoli, Juppiter, 2012
Collana: Agorà
ISBN: 9788895997346
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilità: In commercio

Un viaggio lungo ventotto secoli, dalla civiltà greca all'invasione dei piemontesi, che illustra, attraverso un'avvincente e documentata narrazione, grandezze e bassezze di personaggi e popoli. Il mito della Kalabrja, la potenza di Roma, le influenze bizantine, i regni barbari, i re illuminati, le dinastie guerriere, i primati del Regno delle Due Sicilie, le strategie dei papi, i moti rivoluzionari, i garibaldini e i briganti, l'Unità d'Italia e la questione meridionale: tra curiosità, eventi conosciuti e vicende poco note, l'autore, con piglio da cronista, accompagna il lettore in un excursus storico e antropologico nelle terre del Sud, raccontandone amarezze e destini, slanci eroici e solenne bellezza.

Antonino Ballarati è nato a Castrovillari nel giugno del 1942. Ha avuto una creativa adolescenza napoletana, frequentando le scuole dei Padri Barnabiti e proseguendo poi gli studi superiori all'istituto Armando Diaz. Ha esercitato per molti anni l'attività di agente di commercio con aziende di primo piano a livello nazionale. Da sempre studioso e amante del mondo omerico e dei protagonisti del mito e della storia, ha pubblicato i romanzi La guerra di Troia (2005) e Il mito della guerra di Sybaris (2007). Nel 2009, per Iuppiter Edizioni, ha pubblicato Così ho sedotto Roma, romanzo storico sulla affascinante e controversa figura di Messalina.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.