CAPRI “INGLESE” E NAPOLEONICA. Da Hudson Lowe a Murat. 1806-1815 - Francesco Barra

capri_inglese_napoleonica francesco barraAutore: Francesco Barra
Titolo: Capri "inglese" e napoleonica
Sottotitolo: Da Hudson Lowe a Murat. 1806-1815
Descrizione: Volume in 8° (cm 23,5 x 17); 271 pagine; alcune  illustrazioni a colori ed in b/n
Luogo, Editore, data: Avellino, Il Terebinto, maggio 2011
Collana: Collana di Storia del Mezzogiorno. N. 1
ISBN: 9788897489009
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilita': Si

Nell’ottobre 2008 è ricorso il bicentenario della conquista murattiana di Capri senza, però, che l’evento abbia suscitato un nuovo e adeguato fervore di studi e di pubblicazioni, sia in Italia che all’estero. Ciò si spiega probabilmente col fatto che - dopo i fondamentali ma ormai assai rari e difficilmente accessibili volumi del Perrot (1929) e di Pieri e Simion (1930), nonché l’opera del Ruocco (1957) e l’assai più recente e brillante rievocazione di Roberto Ciuni (1990) -, appariva quanto mai problematico poter aggiungere qualcosa di nuovo e di significativo sull’ar­go­mento.
L'autore del presente volume  - professore ordinario di Storia moderna all'Università di Salerno e noto studioso del Mezzogiorno napoleonico - spera di aver dimostrato il contrario. Difatti, con l’acquisizione dei preziosi archivi di Giuseppe Bonaparte e di Gioacchino Murat, la prospettiva della ricerca storica sull’età napoleonica in genere, e sul Decennio francese nel regno di Napoli in particolare, ha conosciuto uno sviluppo prima impensabile. Un’attenta esplorazione della documentazione dei ricchissimi fondi militari di Vincennes – la cui importanza, al contrario di quanto in genere si ritiene, va ben oltre l’aspetto puramente militare – ha inoltre consentito nuove e preziose acquisizioni documentarie, tra cui il Journal di Châtelain e la relazione del primo governatore murattiano di Capri, Jean Thomas. L'autore ha poi integrato e confrontato sistematicamente e criticamente le fonti - edite ed inedite -, inglesi, francesi e napoletane, a cominciare dal fondamentale Journal di Hudson Lowe, sempre citato ma in genere poco approfondito. Ciò ha consentito di chiarire alcuni punti, rimasti sin qui dubbi od oscuri della vicenda.
Inoltre il volume – e anche questo costituisce un elemento innovativo - non si limita alla ricostruzione dello sbarco e della conquista murattiana, ma allarga la trattazione alle vicende dell’isola nell’intero periodo 1806-1815, nel contesto del grande conflitto mediterraneo tra la Gran Bretagna e la Francia napoleonica. Del resto, solo un quadro tematico più ampio può consentire di più efficacemente contestualizzare e meglio comprendere le vicende capresi di quegli anni.


INDICE
Premessa
Parte prima
I. Il regno di Napoli nella strategia del conflitto anglo-france­se nel Mediter­raneo. Dalla rottura della pace di Amiens alla conquista napoleonica
II. Sidney Smith, la controffensiva anglo-borbonica e Capri
III. La conquista inglese di Capri
IV. La Capri "inglese" di Sidney Smith
1. Cambiamento di strategia
2. Abbandonare Capri? La risposta di Sidney Smith
V. Uno sbirro siciliano per Capri: Hudson Lowe
VI. Mito e realtà della Piccola Gibilterra di Napoli
1) Come difendere Capri?
2. Richard Church ad Anacapri
3. Il declino del ruolo strategico di Capri e le disillusioni di Hudson Lowe

Parte seconda
VII. Murat e la preparazione della spedizione (8 settembre - 3 ottobre)
VIII. Lo sbarco e la conquista di Anacapri (4-5 ottobre)
IX. L'assedio di Capri (5-13 ottobre)
X. La fine dell'assedio e la capitolazione di Hudson Lowe (14-17 ottobre)
XI. Epilogo
1. La maledizione della leggenda dell'eroe di Capri
2. Il ruolo della marina britannica nella caduta di Capri

Parte terza
XII. La Capri di Murat
1. La Legione Corsa a Capri
2. La fortificazione dell'isola
3. Jean Thomas governatore di Capri (ottobre 1808-luglio 1811)
4. Gli ultimi lavori e progetti per la difesa di Capri (1812-1813)

APPENDICE
I. Il capitano Richard Church al tenente colonnello Hudson Lowe, Capri, 5 ottobre 1808
II. Il tenente colonnello Hudson Lowe al tenente generale sir John Stuart, Capri, 18 ottobre 1808
III. Il tenente colonnello Hudson Lowe al tenente generale sir John Stuart, Messina, 30 novembre 1808
IV. Il Journal de l’attaque de l’Isle de Capri en Octobre 1808 del tenente del Genio Châtelain
V. Il primo resoconto da parte napoletana della presa di Capri in un Supplemento del “Corriere di Napoli” del 18 ottobre 1808
VI. Il primo resoconto da parte inglese della presa di Capri nella versione della "Gazzetta Britannica" di Messina del 26 ottobre 1808
VII. La corrispondenza Circello-Martin
VIII. La Legione Corsa a Capri (1808-1809)
IX. Capri in una relazione del governatore Jean Thomas (1809)
X. La presa di Capri in uno sconosciuto quadro di Antoine-Jean Gros
XI. Progetti e dibattiti per la difesa di Capri. Le relazioni Aymé e Tugny (1812-1813)

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.