SCRITTI SULL'ITALIA MODERNA - Giuseppe Maria Galanti

scritti_sull_italia_moderna_galantiAutore: Giuseppe Maria Galanti
Titolo: Scritti sull'Italia moderna
A cura di Mirella Mafrici
Descrizione: Volume in 8° (cm 23 x 15); 711 pagine
Luogo, Editore, data: Cava de' Tirreni (SA), Di Mauro, aprile 2003
ISBN: 97888 86473149
Prezzo: Euro 41,50
Disponibilita': Si


Per troppo tempo desiderate dagli studiosi, dal primo Ottocento ad oggi, appaiono finalmente, in edizione critica diretta da Augusto Placanica, le Opere di Giuseppe Maria Galanti, uno degli spiriti più coerenti e originali del tardo Settecento meridionale e del fidente illuminismo che vi circolava. Il progetto, di venti volumi in più tomi, prevede la pubblicazione di tutte le opere del Galanti, sia edite che inedite, con introduzioni storico-critiche, commenti esegetici, note ai testi e apparati delle varianti.
Resa definitivamente affidabile grazie al recente diretto riscontro di tutti i manoscritti esistenti, l'edizione riserverà anche la sorpresa dei tanti testi galantiani che, universalmente conosciuti nell'ultima forma a stampa curata dall'autore, presentano numerose integrazioni manoscritte successive, redatte dall'autore stesso, in vista di un'ultima organica sistemazione di tutti i suoi scritti: impresa da allora rimasta inattuata, nonostante molti tentativi, e solo oggi portata a compimento. È una descrizione non solo geografica, ma anche politica, sociale, economica, con largo spazio ai presupposti storici, l'Italia moderna di Galanti, ben diversa da quella delineata da Busching e da Jagemann. Nella sua analisi lucida e spassionata il riformatore molisano si rivela attento e acuto osservatore della «più bella parte d'Europa» tra il tardo Settecento (Descrizione d'Italia, 1782 e 1791) e gli inizi dell'Ottocento (Giornale di viaggio, 1804 e l'inedita Descrizione d'Italia, 1806). Ne emerge, grazie ad una moderna metodologia di indagine statistica, l'affresco di una penisola con le sue luci e le sue ombre, con i suoi ritardi e i suoi ammodernamenti, con i suoi luoghi canonici e i suoi stereotipi, con una realtà socio-economica già smaliziata rispetto alle province meridionali e tutta da scoprire nell'ordito complessivo del pensiero del grande illuminista.

Mirella Mafrici è professore associato di Storia moderna alla Facoltà di Lingue dell'Università di Salerno. Si occupa di storia dell'Europa mediterranea, con particolare riferimento alla guerra di corsa e alla pirateria, alla storia militare, alla storia delle donne. A tali temi ha dedicato volumi e saggi, fra i quali si ricordano La Calabria Ulteriore dagli Angioini all'Unità d'Italia (1989); Mezzogiorno e pirateria nell'età moderna (1995); Il re delle speranze. Carlo di Borbone da Madrid a Napoli (1998); Fascino e potere di una regina. Elisabetta farnese sulla scena europea (1999); Exchanges of suffering, exchanges of civilization: Moslem and Christian slaves in the modern Mediterranean (1999); II Regno di Napoli e la Sublime Porta tra Sei e Settecento (2000); I mari del Mezzogiorno d'Italia tra cristiani e musulmani nell'einaudiana Storia d'Italia. Annali 18 (2002).

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.