LA CERAMICA DEL NOVECENTO A NAPOLI. ARCHITETTURA E DECORAZIONE - Maria Grazia Gargiulo

 La ceramica del Novecento a Napoli. Architettura e decorazione Maria Grazia GargiuloCuratrice: Maria Grazia Gargiulo
Titolo: La ceramica del Novecento a Napoli. Architettura e decorazione
Atti del I Convegno, 18 marzo 2011. Palazzo Reale di napoli, Sala d'Accoglienza
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 23,5 x 17); 400 pagine; molte illustrazioni a colori ed in b/n nel testo e fuori testo
Luogo, Editore, data: Napoli, Fioranna, 2011
Collana: Percorsi del Novecento. N. 1
ISBN: 9788897630081
Prezzo: Euro
Disponibilità: No

Presso il Palazzo Reale di Napoli il 18 marzo 20 Il si tenne il convegno La ceramica del Novecento a Napoli, con il fine di puntualizzare le problematiche legate alla conservazione e alla catalogazione delle Arti Decorative del Novecento prodotte a Napoli e in Campania, in particolare, si è discusso sulla funzione della ceramica applicata all' architettura.
La giornata di studi si è offerta come un primo momento d'incontro, discussione e confronto sul tema che ha coinvolto storici dell'arte e architetti e studiosi di ceramica, lasciando spazio a nuove problematiche a ricerche mai affrontate tentando soprattutto di aprire nuovi spunti agli studi.
La prima parte del convegno fu dedicata alla ricostruzione storica della produzione ceramica napoletana nella prima metà del Novecento, proponendo inedite ricerche su alcuni artisti. Si è partiti dall'indagine sulla Ceramica di Posillipo, nonostante la scarsa documentazione conservata su tale manifattura, per poi passare all' analisi delle fasi progettuali delle opere ceramiche applicate all' architettura di Giuseppe Macedonio, e di alcune importanti opere architettoniche del Novecento; infine, ci si è soffermati sulla realizzazione e il restauro della grandiosa Fontana dell'Esedra, decorata dallo stesso Macedonio.

Recuperare e rivalutare le cosiddette arti minori napoletane del secolo ormai trascorso - la ceramica più di altre - è l'impegno della volontà a narrare la storia, quasi dimenticata, di oggetti di fattura eccellente. Testimonianze concrete del fare umano e della poetica di artisti caduti nell' oblio. Un' operazione volta dunque a riportare alla luce lo splendore e l'evoluzione delle Arti Decorative. Oggetti difficili da reperire e scarsamente documentati, ma che rappresentano la traduzione del legame che gli arristi napoletani mantengono con il loro territorio e con i materiali e le tecniche tradizionali.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.