STORIA DELLA CANZONE NAPOLETANA. 1932 - 2020 - Pasquale Scialò

STORIA DELLA CANZONE NAPOLETANA. 1932 - 2020 - Pasquale ScialòAutore: Pasquale Scialò
Curatore:
Titolo: Storia della canzone napoletana 1932 - 2020
Volume II
Descrizione: Volume rilegato, di cm 21,5 x 14; 336 pagine
Luogo, Editore, data: Vicenza, Neri Pozza,
Collana: I Colibrì, n. 21
ISBN: 9788854523838
Condizioni: nuovo
Prezzo: Euro 19,00
Disponibilità: In arrivo

 


richiedi informazioni


Dopo aver illustrato la storia della canzone napoletana dal 1824 al 1931, il musicologo e compositore Pasquale Scialò ci guida, in questo secondo volume, nell’evoluzione della canzone napoletana dal secondo dopoguerra in poi.
Nel secondo dopoguerra, con la diffusione del Jazz in Italia, si afferma e domina la scena musicale Renato Carosone, che mescola ai ritmi della tradizione napoletana le melodie e gli strumenti del jazz, dando origine a un differente stile che segna l’inizio di una nuova fase nel panorama musicale partenopeo che si evolverà con gli anni settanta.

La canzone napoletana classica, che vede il suo apice fino alla prima metà del Novecento, subisce un punto di rottura nel 1970, quando si conclude il Festival della Canzone di Napoli. La produzione della canzone napoletana tende a perdere il legame con un passato colto e classico e diventa espressione del sottoproletariato urbano.

Dopo gli anni Settanta, la situazione cambia molto, i parolieri provengono dallo stesso strato sociale popolare dei fruitori della canzone napoletana, ci si allontana da quell’opera cantata classica, ed inizia la nuova epoca dei cantanti napoletani neomelodici.

L’OPERA
Il musicologo e compositore Pasquale Scialòriprende il suo racconto sulla canzone napoletana escrive il secondo volume, dal 1932 al 2021, come un appassionante romanzo che mescola documentazione musicale, immagini, letteratura, cinema e teatro. Dalle canzonette coloniali del periodo fascista dedicate alla Piccola abissina, a quelle di fine guerra come Tammurriata nera, si arriva ai primi Festival della canzone napoletana degli anni Cinquanta, mentre si diffonde la dolce vita del “bainait” napoletano con Nun è peccato e Anema e core. Intanto Carosone prende la scena con una canzone caricaturale e rinforza i legami tra melodia napoletana e musica d’oltreoceano. Poi, dopo un
inaspettato ritorno alle forme tradizionali con Sergio Bruni negli anni Settanta con Carmela, scendono in campo le nuove generazioni: da D’Angelo a Patrizio, che pongono le basi per una canzone plebea, cosiddetta neomelodica, fino agli Osanna con il loro rock.

In un clima vulcanico, detto “neapolitan power” che si avvale anche della presenza di James Senese, emerge come giovane music maker Pino Daniele che partendo dai paesaggi sonori della sua terra li contamina in ogni direzione creando un blues metropolitano, tanto autoctono quanto internazionale. L’ex scugnizzo Enzo Gragnaniello invece compone Cu mme interpretata da Roberto Murolo e Mia Martini. Nei vicoli e nelle periferie si diffondono, specie attraverso la riproduzione illegale di cassette e cd, prodotti trash e trivial di autoconsumo, accanto ad altri legati ai repertori di mala, abitati da latitanti e vite marginali: il rap e la trap sono dietro l’angolo e risuonano nei diversi luoghi della città e della periferia. Questa lunga e articolata storia di una musica viva e dei vivi di Napoli città cantante viene narrata senza pregiudizi con tono riflessivo, include testi originali con traduzione a fronte, link di riferimento per l’ascolto dei brani, una bibliografia ragionata e indice dei nomi di tutti i protagonisti. La copertina delvolume è dell’artista Mimmo Paladino.

COME COMINCIA
A partire dagli anni Venti del Novecento,periodo che vede la nascita, l’affermazione del fascismo e poi la guerra, la scena musicale napoletana, come spesso accade nella cultura partenopea, registra la convivenza e l’intreccio di più correnti. Così accanto a creazioni dal timbro classico come Napule è na canzone, Silenzio cantatore, Canzone appassiunata, Chiove, L’addio, si trovano brani in lingua dai colori esotici: La danza Ma-ka-bù «che si fa tra i mambù/ (…) colle gambe sempre in su» o il foxtrot di Nanà «Col suo vestito di seta,/ che nella plasticità/tutta ti mostra completa!» 

L’organizzazione delle Piedigrotte musicali viene affidata all’Opera Nazionale Dopolavoro (O.N.D.), un organo politico che dal 1925 gestisce il tempo libero, da quello sportivo a quello turistico-culturale, e plasma i diversi aspetti della vita e del costume
dei cittadini.
Si afferma in questi anni una aperta avversioneverso la canzone straniera, come ci ricordano, nel 1926, Ernesto Murolo e Ernesto Tagliaferri con la loro Tarantella internazionale:

Qua’ spagnola, qua’ americana?
Ma so’ ccredono o fanno apposta?
Chest’è musica paisana!
Chest’è pane da casa nosta!
Chist’è Napule quann’abballa
Tarantella tarantè!

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.