VESUVIEW JAZZ - Gildo Di Stefano

vesuview jazzAutore: Gildo Di Stefano
Titolo: Vesuview Jazz.
Sottotitolo: Tracce di Jazz in Campania dal 1920 al nuovo Millennio.
Descrizione: Volume in 8° (cm 22,5 x 14,5); pp. 216; 51 foto in b/n n.t e f.t..
Luogo, Editore, data: Napoli, E. S. I., 1999
Prezzo: Euro 13,00
Disponibilita': In commercio

L'elenco di personaggi campani attenti agli echi che provenivano d'Oltreoceano è lungo, e comincia gia' dall'Ottocento, quando gia' nelle piccole province qualche musicista al posto dei consueti schemi tradizionali della tarantella e delle villanelle, carpiva e tesaurizzava quegli echi, fino a farli propri. Basta uno fra i tanti: Giacomo Polverino, classe 1914, che assieme a Clinio Bergamini e Nello Digeronimo, è stato il miglior trombonista della seconda generazione del jazz italiano.

In questo volume si trova traccia dei fatti e dei personaggi che hanno fatto e che stanno facendo la storia del Jazz in Campania.
Gildo De Stefano è nato a Napoli. Giornalista free-lance e musicologo, si interessa di musica e cultura afroamericana degli anni '60. E' il direttore artistico del Festival Italiano del Ragtime. Ha scritto Il canto nero (Milano, 1982), Storia del Ragtime (Venezia, 1984), unica in Europa, Trecento anni di jazz (Milano, 1986), Jazz Moderno (Milano, 1990), Frank Sinatra (Venezia, 1991), Vinicio Capossela (Milano, 1993), Francesco Guccini (Milano, 1993), Louis Armstrong (Napoli, 1997). Collabora con le RAI e ad altre testate giornalistiche italiane e straniere. Ha la passione per i cavalli e i computer. Nel 1983 è risultato tra i finalisti del Premio Calvino.

 

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.