101 COSE DA FARE A NAPOLI ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA - Agnese Palumbo

101_Cose_da_Fare_a_Napoli_pAutore: Agnese Palumbo
Titolo: 101 cosa da fare a Napoli almeno una volta nella vita.
Descrizione: Edizione in brossura, in 8°; 336 pagine circa; riccamente illustrato
Luogo, Editore, data: Roma, Newton & Compton, novembre 2008
Disponibilita': In commercio
Prezzo: Euro 13,90
ISBN13: 9788854112254

 

 

Si arriva a Napoli con un po' di pregiudizio o con l'idea che questa citta' sia tutta sole, pizza e mandolino.
Premesso che la pizza è una delle cose migliori che esistano al mondo e che la musica napoletana resta uno dei patrimoni dell'umanita', possiamo serenamente affermare che Napoli oggi è molto altro.
È l'arte contemporanea fruibile da tutti, è storia che trasuda dai palazzi, è Eleonora Pimentel Fonseca e le altre donne della rivoluzione del '99, è entrare in un vicolo e trovarsi davanti a un Caravaggio che ti sconvolge, è la nebbia sottile che fa sparire il Vesuvio, è trovarsi sotto il naso la mappa della citta' quando ti affacci da San Martino, Napoli è il sapore dei taralli che ti lascia la lingua in fiamme per tutto il pomeriggio, è il caffé intellettuale di via Bellini o quello caotico di via San Sebastiano, è passeggiare per via Tribunali con la musica del Conservatorio che riempie le stradine strette.
A tendere bene l'orecchio si può ancora sentire cantare la sirena che tentò invano di sedurre Ulisse ma fece innamorare perdutamente i napoletani.
Lasciarsi ammaliare da Partenope: questa è l'unica cosa che può fare il viaggiatore in partenza per Napoli.


Ecco alcune delle 101 esperienze:
Passare bendati tra i due cavalli di piazza del Plebiscito
Mangiare taralli caldi e bere birra fredda sugli scogli di Mergellina
Perdersi nel reticolo dei Quartieri Spagnoli
Salutare il teschio "laureato" a San Martino
Spaventarsi a Sansevero
Lasciare un caffé sospeso
Commuoversi alla Ruota degli Esposti
Imparare la Tarantella
Origliare la storiella delle statue di Palazzo Reale
Curare le bambole all'ospedale
Farsi predire il futuro dalle sibille

 

Agnese Palumbo è nata a Napoli. Giornalista, si occupa di cultura e costume collaborando con diverse testate, Appassionata di storia ha concentrato la sua attenzione sulle questioni femminili, convinta da sempre che non esista una sola prospettiva per guardare le cose, Si occupa anche di tematiche legate alla storia di Napoli. Adora il caffè stretto in tazza bollente.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.