DODICI - Massimo Masiello

Dodici. Massimo MasielloTitolo: Dodici
Autore/i: Vari
Esecutore/i: Mimmo Fiscale, Peppe Donato, Maurizio Saccone, Gaetano Cassese, Ginetto Ferrara, Corrado Tedeschi, Carlo Comune.
Produzione: GrafMusic
Anno di produzione: 2011
EAN: 8016670173649
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilità: Limitata

 


richiedi informazioni


Se Napoli non canta più, come teme Salvatore Palomba, è perché non ricorda più: prigioniera di un glorioso passato eufonico, non sa trasformare ciò che ha vissuto e cantato in presente, anzi futuro. Benvenuto è, allora, il tentativo di Massimo Masiello, cantattore che alla tradizione partenopea ha dedicato sin qui gran parte della sua carriera.
E benvenuto non solo e non tanto per la voce ferma, il tono caldo e profondo, l'impostazione rispettosa, gli arrangiamenti semplici ma amabili e a tratti sfiziosi, quanto per l'operazione di recupero, la ricostruzione storica, l'azzardo consapevole di rilancio di un canzoniere prezioso che non può essere affidato a pochi saccheggiatori da karaoke televisivo, che rubano strofe a Di Giacomo, trasformano inni dolenti in tarantelle da stadio, frequentano sempre e soltanto gli ormai dieci abusatissimi superclassici,maltrattandoli anzichenò.

Masiello evita "'O sole mio" e "Torna a Surriento", ma anche gli exploit newpolitani di Pino Daniele e Claudio Mattone, mettendo in mostra un immaginario sonoro più vasto, più antico ma anche con salde radici nella postmodernità festivaliera, più vario, senza temere di passare dal repertorio allusivo a quello romantico, di essere retrò al punto di ritrovarsi di tendenza nell'eterno gioco dei corsi e ricorsi.

Al fianco di perle indiscusse come "Mandulinata a Napule" (Tagliaferri-Murolo, 1921) e una "Scalinatella" (Cioffi-Bonagura, 1948) quasi in versione Cotton Club, al fianco dell'hit d'altri tempi "Agata" (Cioffi-Pisano, 1 939), ecco riapparire dal baule delle melodie dimenticate e dalla casciaforte dei versi cancellati dalla globalizzazione la vacanza autarchica di "'A litoranea" (Giordano-Rendine, 1952, primo Festival di Napoli), ma anche il romanticismo ormai fuori tempo massimo di "Purtatele 'sti rrose" (Barile-Canetti, 1 932), l'eterno doppio senso di Pisano & Cioffi condensato in "Pigliatillo, pigliatillo" (1939) e il sadomasochismo melò di "Paraviso e fuoco eterno" (di nuovo Tagliaferri e Murolo, i due Ernesti, 1931).

La Napoli spensierata che insegue "Nu vasillo a pezzechillo" cozza coscientemente con quella disperata di "Palazziello" (Rendine-Bonagura, 1950) con le sue metafore estreme sino al paradosso del bastimento senza vele, del palazzo senza scale: due facce della stessa medaglia, della stessa città, dello stesso suono, della stessa cultura. Verace, Masiello ha studiato, anzi vissuto, la lezione dei maestri dal vivo e soprattutto su vinile, evita di antichizzare troppo il suo stile vocale, misurando pause e fioriture, ma paga tributi dichiarati alle voci di ieri per sentirsi tra le voci di oggi che Napoli la cantano davvero.
Federico Vacalebre

Elenco dei brani:
Agata - 2:56

Purtatele 'sti rrose - 4:57

'A litoranea - 2:34

Mandulinata a Napule - 3:45

Scalinatella - 3:46

Matina d'aprile - 4:03

Pigliatillo, pigliatillo - 2:39

Quanta rose! - 4:19

Paraviso e fuoco eterno - 2:15

Viene, viene ammore - 2:57

Palazziello - 3:58

Damme 'a mano - 3:54

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.