ARRIVEDERCI - Mario Musella

arrivederci_mario_musellaTitolo: Arrivederci
Autore/i: Vari
Interprete: Mario Musella
Produzione: Suonidelsud
Anno di produzione: 2013
Disponibilità: No


"Arrivederci" è il brano che dà il titolo all'album inedito di Mario Musella pubblicato da Suonidelsud; contiene otto registrazioni realizzate nel 1975 quando Mario Musella aveva già lasciato gli Showmen intraprendendo la carriera solistica.
Otto canzoni, in gran parte cover, in cui la voce del "nero a metà" della musica napoletana si rivela in tutta la sua carismatica espressività. Un album sospeso tra rhythm'n'blues, rock'n'roll e tanto soul in cui spicca la presenza di alcuni "turnisti" d'eccezione che rispondono ai nomi di Pino Daniele e Enzo Avitabile.

Per decenni custodito negli archivi della famiglia Fierro, “Arrivederci” contiene otto registrazioni realizzate nel 1975, epoca in cui Mario Musella aveva lasciato gli Showmen per intraprendere la carriera solistica.
L’album fu realizzato con la partecipazione di artisti quali Pino Daniele alla chitarra, Antonio Sinagra al piano fender, Gigi Savoia al sax, Geppino Botta al basso, Antonio Golino alla batteria e Tony Mimms che dirige gli archi dell’Orchestra Scarlatti. Di grande intensità le riletture di “Arrivederci”, il capolavoro di Umberto Bindi che dà giustamente il titolo al disco; assolutamente trascinante l’interpretazione di “True fine mama” di Little Richards ; decisamente eleganti le rarefatte atmosfere della celeberrima “Giorgia on my mind” di Ray Charles” e di “Entriamo nel gioco”, versione italiana di “You make me feel a brand new” degli Stylistics e portata al successo successivamente dai “Simply Red”.
Ancor prima di essere un eccezionale documento storico, "Arriverdeci" è un album che testimonia alla perfezione la grandezza di un interprete come non ce ne sono stati più.


“Arrivederci” è il tanto atteso album inedito di Mario Musella, l’album di cui si è parlato così tanto in questi ultimi trent’anni che, ad un certo punto, sembrava che non esistesse affatto, che fosse una leggenda metropolitana. Quell’album, invece, esisteva veramente ed era custodito negli archivi della famiglia Aurelio Fierro, all’epoca titolare della King Records, che ora ha deciso di pubblicarlo. “Arriverderci” contiene otto registrazioni realizzate nel 1975 quando Mario Musella aveva già lasciato gli Showmen intraprendendo la carriera solistica. Otto canzoni, in gran parte cover, in cui la voce del “nero a metà” della musica napoletana si rivela in tutta la sua carismatica espressività. Un album sospeso tra rhythm’n’blues, rock’n’roll e tanto soul in cui spicca la presenza di alcuni “turnisti” d’eccezione che rispondono ai nomi di: PINO DANIELE e ENZO AVITABILE. Di grande intensità le riletture di “Arrivederci”, il capolavoro di Umberto Bindi che dà giustamente il titolo al disco; assolutamente trascinante l’interpretazione di “True fine mama” di Little Richards ; decisamente eleganti le rarefatte atmosfere della celeberrima “Giorgia on my mind” di Ray Charles” e di “Entriamo nel gioco”, versione italiana di “You make me feel a brand new” degli Stylistics e portata al successo successivamente dai “Simply Red”. Ancor prima di essere un eccezionale documento storico, “Arriverdeci” è un album che testimonia alla perfezione la grandezza di un interprete come non ce ne sono stati più
Edel    [02/10/2012]

 

Elenco dei brani:
1. Arrivederci (ascolta su YouTube)
2. Entriamo Nel Gioco (You Make Me Feel Brand New)
3. Innamorata Mai
4. Domani, Tra Un Anno, Chissà...
5. Non So Dir... (Ti Voglio Bene)
6. Georgia on My Mind
7. Se Ti Dicessi... (Let Me Be Turned to Stone)
8. True Fine Mama

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.