Enzo Gragnaniello - L'ERBA CATTIVA

L_Erba_Cattiva_pTitolo: L'erba cattiva.
Autore/i: Vari
Interprete: Enzo Gragnaniello
Musiche: Vari
Esecutore/i: Enzo Gragnaniello
Produzione: Radio Fandango
Anno di produzione: 2007
Disponibilità: No

 

Nuovo grande album di una delle voci più autorevoli del panorama musicale nazionale e, certamente, uno degli autori italiani più noti all'estero. Dopo centinaia di migliaia di copie vendute di 'O mare e tu', canzone 'regalata' a Bocelli e Dulce Pontes e ai grandi successi di 'Cu 'mme', cantata con il Murolo e l'indimenticabile Mia Martini e 'Alberi' in coppia con Ornella Vanoni, Enzo Gragnaniello realizza un lavoro destinato a imporsi come uno degli imperdibili dell'anno.

Con 'L'Erba Cattiva', Gragnaniello amplifica la dimensione spirituale della sua musica, l'Essere emozione primigenia, concepita ed eseguita per entrare in contatto con la sfera più intima dell'ascoltatore, un richiamo preciso a quella parte di Anima che accende tutte l'Esistenze, la ricerca di un'etnia profonda, universale, lontanissima da ogni possibile forma di fraintendimento folkloristico o strumentale.

Un richiamo ancestrale alla dignità di ogni Essere uomo nel suo Sentire autentico. Cantautore viscerale, poeta arrabbiato, autore sincero; specchio di desideri, ambizioni, dubbi e certezze di un uomo e del mare della sua terra: Napoli, luogo d'ispirazione, contraddizione e forza. Personalità sciamanica capace di sedurre più volte il palato fine del Premio Tenco (1986,1990), ma anche di conquistare il gusto popolare del festival di Sanremo (1996).

Lasciatosi alle spalle, per forza o per scelta, il successo più superficiale, Enzo Gragnianiello nel suo nuovo album, 'L'Erba Cattiva' mette in luce le sue capacità musicale e cantautorali con una idea di suono davvero bella e convincente, sul bordo di un sound etnico mediterraneo che ritiene però un profilo stranamente roots & blues da South of the Border e che crea un curioso mi' di mondi che poi - ci si augura dire il vero - sono il mondo di Gragnaniello, quello più vicino alla sua vera Napoli.
Un piccolo ensemble accompagna Enzo alle chitarre e al basso e l'inconfondibile voce sgranata è sottolineata dall'oud di Erasmo Petringa. Qui e lì ci pare che il cantautore abbia ascoltato Manu Chao e i nostri Bandabardò (come nel brano che dà il titolo all'album con la bella armonica blues di Bruno Fiengo); in 'Femmena so'Stat'' ritroviamo con piacere la bravissima Petra Montecorvino, un altro talento naturale della musica partenopea che non ha mai avuto i riconoscimenti che si meritava, ma che resta una voce assolutamente unica e non sono nel panorama nazionale.
Un sottile mai intrusivo uso dell'elettronica emancipa certi passaggi del disco come 'Maronna 'E' l'Arco Mia'.
In generale si resta sorpresi dalla congruità dell'offerta che ha due momenti straordinari in ' Song'Animale ' e nella conclusiva ''Stu' Criato' liberamente ispirata alla Tarantella del Gargano in cui spicca una straordinaria immagine 'la vita è come la morte/ sono vicini di casa e non si possono vedere/ anche se sono una cosa sola'. Queste due canzoni hanno il pregio di far volare un album che già si va posizionando alto sin dalla prima traccia.
Si lascino quindi dietro le spalle tutti i preconcetti e ci si tuffi dentro questo ottimo album di Enzo Gragnianiello sperando di vederlo presto portare in tour.
'L'erba Cattiva' è paragonabile, grazie anche alle sue forti tematiche sociali toccate, non solo alla migliore musica del bacino del mare nostrum ma anche alla migliore roots music americana senza assomigliarci neanche un po' e si posiziona fra i migliori album italiani in dialetto del 2007, difficile da eguagliare e peraltro anche ben esportabile nei circuiti della migliore world music internazionale. Toccante il brano dedicato a Matteo Salvatore, 'Nun è rapace'.

Ernesto de Pascale
tratto dal sito web Il Popolo del Blues

 

Elenco dei brani:
Labirinto
'A verità
Uocchie ca me guardate
L'erba cattiva
Femmena so' stato
Evviva 'e razze
Maronna 'e l'Arco mia
Song' animale
L'ammore overo
Non è rapace
'Stu criato

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.