COPPOLA ROSSA. CANTO DI MALAVITA

Coppola_Rossa_pTitolo: Coppola Rossa.
Canto di malavita.
Cantata per quattro voci e orchestra di Antonello Paliotti su testi poetici e musicali tratti dalla tradizione popolare e da Viviani, Gardel, Monk, 99 Posse, Daniele, Berg.
Registrazione: Teatro Mediterraneo di Napoli e Teatro Comunale di Caserta.
Produzione:
Anno di produzione: 2006
Prezzo: Euro
Disponibilità: No

"Coppola Rossa è un disco autobiografico, tratto dallo spettacolo che porta lo stesso nome. In esso c'è il mondo di cui sono stato testimone: il mondo che ho ereditato dai miei padri, della guerra e della povertà vissute in casa propria; ma anche, incredibilmente, della gioia di vivere di chi trovava la forza di ridere senza retrogusti amari.



Musicalmente Coppola Rossa è uno studio sulla forma canzone.
Essa è leggibile da almeno due punti di vista: quello immediato, della melodia popolare, tradizionale o meno.


Il secondo, che emerge ad un ascolto più approfondito, è quello dell'elaborazione "colta" di materiali di tradizione popolare o della mia tradizione personale di quarantenne cresciuto a Schoenberg, Beatles, Debussy, Canfora, Mingus, Berg, Mina, Rota, Chaplin, Satie, Viviani, Brecht...

Coppola Rossa è dunque un omaggio a quei monumenti che, pur agonizzanti, io sento ancora vivi. E' forte anche la componente sudamericana: motivi autobiografici, ancora. Nel Sudamerica c'è quella parte di terzo mondo che portiamo ancora dentro. La nostra rappresentazione della miseria diventa puro materiale di Divertimento; un riso intriso dì amaro, un pianto corrotto dal ghigno, un gronde sberleffo.
La nostra bestemmia comincia dai cantatori della tradizione, Pietro Mozzone in testa, per giungere, nella nostra Dopostoria, ai canti di lavoro di Raffaele Viviani, ai disoccupati dei cantieri di Liverpool, a Thelonious Monk, alla manodopera vergognosamente gratuita strappata ai ghetti di Varsavia, di Berlino, di Karachi, del Borgo Sant'Antonio Abate; ai nostri padri inutilmente onesti, cui rivendichiamo l'umiltà di assomigliare. E' proprio ai nostri padri che vogliamo dedicare questa bestemmia; a coloro che ci hanno insegnato un mondo che non è mai esistito."
Antonello Paliotti

 

Elenco dei brani:

Titolo del brano
Autore/Autori di testo e musica
Interprete vocale

Coppola Rossa
Tradizionale/elab. A. Paliotti
Gianni Lamagna

Valse
Musica di A. Paliotti/testo di Luciano Giannini
Brunella Selo

Bambeniello
Tradizionale/elab. A. Paliotti
Luciano Catapano

Sanguetta
Musica di Antonello Paliotti/testo di Raffaele Viviani
Lamagna Selo, Giulivo, Catapano

Pacchianella d'Uttaiano
Tradizionale/elab. A. Paliotti
Gianni Lamagna

Nada prà dizer
Testo e musica di A. Paliotti
Giulivo/Selo

Figliole d'Antignano
Musica di Antonello Paliotti/testo di Ernesto Murolo
Lamagna, Selo, Giulivo/ Catapano

Mas una cancion
A. Paliotti
Lello Giulivo

Parlami d'amore Mariù
Musica di C. A. Bixio/ testo di Ennio Neri
Luciano Catapano

Curre, curre guaglio'
Persico - Jovine- Messina
Gianni Lamagna

Ce avimm"a sullevà
Musica di Antonello Paliotti/testi di Raffaele Viviani
Lamagna, Selo, Giulivo, Catapano

L'Orchestra:

Mimmo Maglionico: flauto
Marilù Grieco/Francesca Staderini Marchesini: flauto, ottavino
Stefano Bartoli: clarinetto
Pasquale Di Nunzio: Alto Sax
Giulio Martino/Annibale Guarino: tenor Sax
Giuseppe Cascone/Vincenzo Leurini: tromba
Roberto Schiano/Nicola Ferro: Trombone
Gianluca Mirra/Antonio Mambelli/Gabriele Arcangeli: Percussioni
Francesco Fusco: chitarra
Mauro Squillante: mandolino
Armando Desidery: pianoforte
Salvatore Lombardo/Erika Gyarfas: violino
Aurelio Bertucci: violoncello
Gianni Stocco: contrabbasso

Le voci:
Gianni Lamagna - Brunella Selo - Lello Giulivo - Luciano Catapano.
Musiche eseguite da:
Orchestra Collegium Philarmonicum, diretta dal Maestro Gennaro Cappabianca.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.