GESUALDO DA VENOSA E MAIONE: Tribulationem – Motetti, madregali e capricci

gesualdo_da_venosa_e_maioneTitolo: Gesualdo da Venosa e Maione: Tribulationem – Motetti, madregali e capricci. 2 cd
Autore/i: Carlo Gesualdo da Venosa (1561-1613) e Ascanio Maione (?-1627)
Esecutore/i: Jean-Marc Aymes, clavicembalo; Mara Galassi, arpa; Concerto Soave
Etichetta: Zig Zag
Anno di produzione: 2013
Prezzo: Euro 40,00
Disponibilità: In commercio

Proponendo una vasta antologia di opere sacre e di lavori profani, questo cofanetto doppio della Zig Zag Territoires rende piena giustizia alla straordinaria modernità stilistica di Carlo Gesualdo principe di Venosa (1561-1613), mettendo in grande evidenza le sottili nuances e i frequenti cromatismi presenti nella sua produzione con un assoluto rispetto del temperamento utilizzato all’epoca in cui visse questo fascinoso compositore. Un’ulteriore attrattiva di questo cofanetto è costituita dalla scelta di alternare le opere del Principe di Venosa con alcuni lavori per arpa, clavicembalo e organo del suo contemporaneo Ascanio Maione. Questa imperdibile celebrazione del quarto centenario della scomparsa di Carlo Gesualdo vede assoluto protagonista l’eccezionale ensemble Concerto Soave diretto da Jean-Marc Aymes.

Elenco dei brani:
Carlo Gesualdo da Venosa (1561-1613)
O vos omnes
Tribulationem et dolorem
Peccantem me quotidie
Ave dulcissima Maria
Ecce vidimus eum (Feria V, Resp. III)
Venit lumen tuum
Da pacem Domine (completato da Igor Stravinsky)
Moro, lasso, al mio duolo
Mille volte il dì
Io pur respiro
Ardita zanzaretta
Alme d’Amor rubelle
Tu piangi, o Filli
Già piansi nel dolore
Deh come invan sospiro
Ascanio Maione (?-1627)
Toccata quinta per il cembalo cromatico
Toccata terza
Recercar sopra il canto fermo di Costantio Festa e per sonar all’arpa
Recercar del decimo tono
Recercar sopra il canto fermo di Costantio Festa
Toccata seconda
Canzona franzese terza
Toccata quarta per il cimbalo cromatico
Canzona francese prima
Canzona francese quarta
Partite sopra il tenore antico, o Romanesca
Canzona francese seconda
Io mi son giovinetta del Ferabosco diminuito per sonare da Scipione Stella, Gio. Dom. Montella
Toccata prima
Recercar del quarto tono

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.