ORLANDO FURIOSO. Madrigali sul poema di Ludovico Ariosto - La Compagnia del Madrigale

orlando_furiosoTitolo: Orlando Furioso
Madrigali sul poema di Ludovico Ariosto
Autore/i: Vari
Esecuzione: La Compagnia del Madrigale
Interpretazione: La Compagnia del Madrigale
Luogo e Data di Registrazione: 
Chiesa della B.V. Maria del Monte Carmelo al Colletto, Roletto - Pinerolo, Torino, dal 19 al 23 ottobre 2009 e il 2 settembre 2010
Produzione: Arcana
Anno di produzione: 2011
Prezzo: Euro 22,00
Disponibilità: In commercio

Fin dalla sua prima apparizione nel 1516, il poema epico cavalleresco di Ludovico Ariosto  ha rappresentato, e rappresenta una delle opere di maggior successo della letteratura italiana. Questa antologia, frutto di una selezione compiuta con grande sensibilità musicale, offre una sapiente ricognizione degli stili e delle tendenze espressive che caratterizzarono l’incontro fra il poema ariostesco e la musica nel periodo di maggior fortuna musicale: eccezion fatta per la frottola di Bartolomeo Tromboncino (1517), si tratta di madrigali pubblicati tra il 1541 e il 1588 .
Disposti secondo la sequenza del poema, i brani qui interpretati consentono un percorso di ascolto lungo le vicende dell’Orlando furioso in musica, dalla prima stanza («Le donne,  i cavallier, l’arme, gli amori») al quarantaseiesimo e ultimo capitolo.

Uno dei migliori gruppi madrigalistici della scena internazionale, La Compagnia del Madrigale fa qui il suo debutto discografico inaugurando la collaborazione con Arcana.  I membri fondatori del gruppo - Rossana Bertini, Giuseppe Maletto e Daniele Carnovich - hanno contribuito a portare al successo Il Concerto Italiano di Rinaldo Alessandrini prima e La Venexiana di Claudio Cavina poi.

I testi intonati in quest’antologia - venticinque stanze in tutto per ventidue composizioni musicali - rappresentano le vicende principali dell’Orlando furioso: quella epica, della guerra tra musulmani e cristiani che fa da sfondo all’intera narrazione e si conclude con la vittoria cristiana; la vicenda amorosa della bellissima Angelica in fuga dai numerosi spasimanti, tra i quali il paladino Orlando che diverrà folle alla scoperta dell’amore tra la sua amata e il pagano Medoro (e ritornerà in sé solo grazie ad Astolfo che volerà fino alla luna per recuperare il suo senno) e infine la vicenda encomiastica del difficile amore tra il guerriero pagano Ruggiero e la cristiana Bradamante i quali, solo dopo la conversione di lui, al termine della guerra, riusciranno a coronare il loro amore e a dare inizio, con loro unione, alla casata degli Este; inoltre compaiono episodi quali l’approdo di Ruggiero nell’isola della maga Alcina, la disperazione di Olimpia abbandonata dall’infedele consorte e l’amore tra Ricciardetto, fratello di Bradamante, e Fiordispina.
Cecilia Luzzi, dalle note di copertina

Elenco dei brani:
Le donne, i cavalier, l’arme, gli amori [Hoste da Reggio (ca. 1520-1569)]; Pensier (dicea) che ’l cor m’agghiacci et ardi [Orlando di Lasso (1532-1594)]; La verginella è simile alla rosa [William Byrd (1543-1623)]; Vaghi boschetti di soavi allori [Jaches de Wert (1535-1596)]; Tra le purpuree rose e i bianchi gigli [Benedetto Pallavicino (ca. 1551-1601)]; Non tanto il bel palazzo è sì eccellente [Jaches de Wert]; Era il bel viso suo, quale esser suole [Cipriano de Rore (1515-1565)]; Liete piante, verdi erbe, limpide acque [Vincenzo Ruffo (ca. 1508-1587)]; Queste non son più lagrime che fuore [Jaches de Wert]; Queste non son più lagrime che fuore [Philippe Verdelot (ca. 1480/85-1530/32)]; Queste non son più lagrime che fuore [Bartolomeo Tromboncino (ca. 1470-1535)]; Questi ch’indizio fan del mio tormento [Alfonso Ferrabosco (1543-1588)]; Non rumor di tamburi o suon di trombe [Alessandro Striggio (1535-1590)]; Se ben non veggon gli occhi ciò che vede [Giovanni Pierluigi da Palestrina (ca. 1525-1594)]; Gli sdegni, le repulse e finalmente [Hoste da Reggio]; Di qua di la va le noiose piume; Deh perché voglio anco di me dolermi? [Orlando di Lasso]; Chi salirà per me, madonna, in cielo [Jaches de Wert]; Dunque baciar sì belle e dolce labbia [Andrea Gabrieli (15333-1585)]; Scarpello si vedrà di piombo o lima [Perissone Cambio (ca. 1520-1562)]; Come la notte ogni fiammella è viva [Cipriano de Rore]; Or se mi mostra la mia carta il vero [Alessandro Striggio].

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.