NEAPOLIS IN FABULA

Neapolis_in_Fabula_pTitolo: Neapolis in fabula.
Viaggio etno-jazz nella tradizione musicale partenopea.
Produzione: Napoli, Graf
Anno di produzione: 2009
Prezzo: Euro 9,90
Disponibilità: In commercio 

L'idea generatrice dell'album è quella di rivestire con spirito innovativo l'impianto melodico del repertorio classico napoletano.
Un viaggio etno-jazz nella tradizione musicale partenopea con gli arrangiamenti e le rielaborazioni curate dal pianista e compositore Giosi Cincotti nelle vesti di direttore artistico, che creano il giusto equilibrio tra la melodia originaria e le armonie moderne contaminandosi di volta in volta con sonorità gospel e jazz, ritmi tribali dell'Africa nera, melodiche e sensuali note mediorientali.
La calda voce di Mena Cacciapuoti poggia sulla ritmica duttile e propulsiva che vede Marco de Tilla al contrabbasso e Michele Maione alle percussioni, accompagnati al piano dall'eclettismo di Cincotti che impreziosisce gli interventi musicali di Marzouk Mejri ed Emidio Ausiello alle percussioni, di Pericle Odierna ai fiati e di Enzo Grimaldi alla fisarmonica.
Il progetto NEAPOLIS IN FABULA si avvale della preziosa collaborazione dello scrittore Marcello D'Orta, che ne ha rielaborato il soggetto. L'album, arricchito dalla presentazione brillante e ironica di Giobbe Covatta, è prodotto dall'associazione 'A Luna e 'o Sole con il contributo dell'Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali della Regione Campania.
Un disco di "standard" napoletani non è una novità. Eppure, così come accade per i corrispettivi americani, ogni musicista ne è attratto. Le immortali melodie sono alla base del viaggio di Giosi Cincotti e degli altri "naviganti". Perchè vero e proprio viaggio si può definire "Neapolis in fabula". Un viaggio che parte da Napoli alla ricerca delle radici più profonde della cultura partenopea, toccando le vivaci sponde del Mediterraneo per lasciarsi contaminare da ritmi africani (e di rimando da quelli americani), da atmosfere favolistiche da "Mille e una notte", da ambientazioni tanghere di origine africana e spagnola, prima ancora che argentina. Senza tralasciare i ritmi popolari della nostra tradizione.
La scrittura di Giosi Cincotti, eclettico pianista, fisarmonicista e compositore qui alla sua prima prova da leader, conferisce una spiccata originalità ai brani più celebrati del canzoniere partenopeo, ricorrendo ad armonie moderne e stimolanti e combinando lo spirito della tradizione con arrangiamenti più propriamente "jazzistici". Le citazioni a cui sistematicamente Cincotti fa ricorso spingono verso un ascolto differente delle classiche melodie napoletane e ne ribadiscono l'universalità, pari a quella degli standard d'oltreoceano.
"Neapolis in fabula", che si avvale del contributo dell'Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali della Regione Campania, ha ispirato uno spettacolo costruito sulle visioni di sabbia di Licio Esposito e sulle favole napoletane raccontate dalle voci vibranti di Paolo Cresta e Ciro Girardi su testi curati da Marcello D'Orta.
Le note di copertina sono di Giobbe Covatta.
 
Elenco dei brani:
Medley : Uocchie c'arraggiunate - 'O marenariello - Canzone marenara - Luna nova
'E spingule frangese
Canzona appassiunata
Voce 'e notte
Maddalena
Michelemmà
'A vucchella
Pizzica a santu Paulo
Reginella
 
I Musicisti:
MENA CACCIAPUOTI: voce
GIOSI CINCOTTI: pianoforte ed arrangiamenti
MARCO DE TILLA: contrabbasso
MICHELE MAIONE: percussioni

Guest:
PERICLE ODIERNA: clarino, sax, flauti
MARZOUK MEJRI: voce e percussioni
EMIDIO AUSIELLO: percussioni
ENZO GRIMALDI: fisarmonica

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.