I Petri ca addumunu - CUCCURUCUNTU

I_Petri_pTitolo: Cuccurucuntu.
Cantari e cuntari all'usu anticu
Autore/i: Vari
Esecuzione: I Petri ca addumunu
Musiche: Vari
Produzione: Napoli, Terreinmoto
Anno di produzione: 2007
Prezzo: Euro 10,00

 

Un repertorio fortemente mirato a conservare una specifica identità culturale («Volevamo sentirci figli di qualcuno e noi del centro della Sicilia siamo "viddana" o "surfarara"», dice Davide Campisi, splendido elfo siciliano dalla teatralità prepotente) attraverso pezzi come Muntanara di li sviannanti (testi e musiche di Vicari) o i tradizionali C'era 'na vota 'nu Re, Assummata di lu corpu di la tunnara. Epperò quello stesso repertorio si ricompatta un vero sulphur mediterraneo giacché come lo zolfo è in grado di combinarsi con tutti gli elementi e dunque irrimediabilmente e volutamente impregnato d'ogni alito di Mare Nostrum come La tarantula, Figlia figlia nisci a lu ballu, Rosa spinusa 'a vocca soj carnale, Uskudara, quest'ultimo rielaborato da un originale sefardita.
«Apparteniamo, per forza di cose, ad una generazione cronologicamente lontana dalla grande esperienza degli Anni Settanta, e penso alla Nuova Compagnia di Canto Popolare piuttosto che ai Cilliri - osserva Vittorio Ugo Vicari - Tuttavia, a nostro modo, utilizziamo la grande lezione sul piano antropologico e su quello della musica colta attraverso il materiale raccolto all'epoca, rielaborandolo e talvolta riscrivendolo come nel caso di due canzonette siciliane del Cinquecento ritrovate a Venezia e mai musicate prima d'ora. Il nostro impegno primario è quello di rimanere aderenti il più possibile alla timbrica e alla dinamica dei suoni e delle voci».
Vivono per la musica ma non di musica, come da perfetto «uso antico»: Vicari, storico dell'arte, e Campisi, panificatore, sono «maestri cantori» di se stessi, la Barbera, già allieva oboista al Conservatorio di Caltanissetta, studia psicologia all'Università. Epperò hanno una teatralità musicale innata e affinata (le maschere «sulfuree» di cui fanno uso in alcuni pezzi hanno un effetto inchiodante), dotati di un'autonomia epica nel raccontare dentro e fuori dalla musica da veri aedi-vanniaturi per il quali la separazione tra parola parlata e cantata (così come la si intende oggi) non aveva ragion d'essere.

Ma forse il valore aggiunto di «I Petri ca addumunu» è una musicalità da cenacolo quasi da madrigalisti involontari, vicini e lontani da precedenti ingombranti (per tutti, la già citata NCCP) a cui loro guardano con sensibilità e personalità d'interpreti e mai di epigoni. Eppoi c'è lo zolfo che fa la differenza. Quello zolfo «infernale» di un Prospero tutto siciliano e di siciliani Calibano e Ariel, evocati dal «tiranno» e riconsegnati alla nostra Isola della tempesta.
La Sicilia - Carmeliat Celi

I Petri ca addumunu:
Antonella Barbera
Davide Campisi
Vittorio Ugo Vicari
Angelo Scelfo

Elenco dei brani:
Un forasteri ca vitti Affili Anticu, e vozi scriviri so 'chi vi cuntu e dicu
La tarantula
Amante sdegnato
Figlia figlia 'nisci a lu ballu
U cuntu
C'era na vota nu Re (inizio)
U bannu riali
Curtigliata
C'era na vota nu Re (finale)
Rosa spinusa a vocca soj carnale
Uskudara
Donna incostante
Muntanara di li sviannanti
Assummata di lu corpu di la tunnara
Cuccurucuntu

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.