Officina Zoè - CRITA

Officina_Zoe_Crita_pTitolo: Crita
Interprete/i: Officina Zoé
Autore: Vari
Genere: Etnica
Produzione: Napoli, Polosud
Anno di produzione: 2004
Prezzo: Euro 15,00
Prezzo in promozione: Euro 12,00
Disponibilità: In commercio

L'Officina Zoè nasce, nella primavera del 1993, dall'unione di alcuni musicisti salentini spinti dalla necessità di una riscoperta delle tradizioni popolari musicali della propria terra. Il lavoro proposto da Zoè è il risultato della lunga e profonda ricerca svolta sulla musica salentina.
Musica popolare, dove influssi e contaminazioni emergono necessariamente, risultato di secoli di dominazioni le più diverse ma soprattutto di scambi con altri popoli del Mediterraneo.
Ed è proprio una mescolanza culturale di tale complessità e di natura squisitamente mediterranea a caratterizzare i canti e le Pizziche di Zoè, patrimonio del popolo salentino: un popolo di emigranti e tarantati, più volte anche oppresso e sfruttato, nondimeno capace di grande euforia, appassionata sensualità e infinita dolcezza.
Qualità che si ritrovano tutte in una musica densa e moderna nelle sue tensioni, e al contempo arcaica nella sua sobria malinconia.
Una musica dove convivono Apollo e Dioniso, la Tramontana e lo Scirocco, la gelata e l'afa, il canto d'amore griko e la pizzica tarantata. Il repertorio di Zoè comprende canti di lavoro, canzoni d'amore in dialetto e in grecanico salentino, canti di protesta e specialmente pizziche: de core e tarantate.
Quest'ultimo ritmo è il più eccitante, e allo stesso tempo straziante e inebriante, esilerante e commovente: è, insieme, il ritmo del cuore e il respiro, il pulsare della terra. Rimanervi indifferente è impossibile perché il crescendo ostinato dei "battiti" dei tamburelli va dritto al cuore.
E' un'energia millenaria depositata in questa musica che viene "riattivata" al momento dell'esecuzione, forse quello "psichismo" della natura di cui parlava Ernesto De Martino a proposito dei riti terapeutici contro il morso della Taranta cui la pizzica tradizionalmente è legata. E' da questo punto di vista si può ancora oggi parlare di un'esperienza di Trance naturale, per chi intrattenga con tali ritmi una frequentazione assidua e profonda.
Per questo, al di là di ogni interpretazione, basta seguire la musica, abbandonarsi al suo movimento, per rendersi conto di una forza, di un'energia musicale non comune. Del resto il ritmo della pizzica si è rivelato centrale e di fondamentale importanza anche nella "storia" di Zoè: "battere" il tamburello della pizzica ("battere" sulla pizzica) ha rappresentato per il gruppo un'esperienza decisiva, profonda e a volte dolorosa.
Nell'ossessività gioiosa ma anche tragica di quel movimento, nel sangue prodotto dalla ripetizione velocissima e inesausta delle percussioni della mano, è tutto il cammino faticoso e sorprendente di un riappropriarsi culturale che è anche ritrovamento di un'identità sommersa, dimenticata.
 
 
Elenco dei brani:
Ferma ferma
Allu sciardinu
Anima bella
Pizzica paccia
Fior di tutti i fiori
Kali nifta
L'acqua ci te 'llavi
Maria Nicola
Tambureddu meu
Camina ciucciu

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.