MALICANTI. Tarantelle e canti tradizionali della Puglia

malicantiTitolo: Malicanti
Tarantelle e canti tradizionali della Puglia
Autore/i: Vari
Esecuzione: Malicanti
Produzione: Finisterre
Anno di produzione: 2010
Prezzo: Euro 16,00
Disponibilita': In commercio

MALICANTI è un disco insolito: pochissime invenzioni o “sperimentazioni”, arrangiamenti scarni, essenziali, pochi colpi a effetto o assoli, eppure un'atmosfera ricca, piena di sfumature emotive, che rimandano alla semplicità della musica tradizionale.
Sarà merito delle voci, dai timbri insoliti e interessanti, che conoscono profondamente i codici della musica contadina, rimanendo più vicine alle voci dei vecchi che a quelle della musica di riproposta.
I I brani sono interamente pugliesi: alle pizziche e tarantelle del Gargano e del Salento si aggiungono bellissimi canti di sole voci, imparati tutti direttamente dai vecchi cantori frequentati negli anni.
Scrive MALICANTI nel libretto del CD: "Non ci siamo mai illusi, in nessun momento, di mimetizzarci con i nostri vecchi maestri contadini. Pure, a un certo punto abbiamo sognato di poterci incrociare con loro, fosse solo per un canto, per un ballo, per un concerto, sapendo che la strada per l'incontro avremmo dovuto percorrerla quasi tutta noi più giovani, e a ritroso".
E in questo paradosso "dell'approssimazione, dell'avvicinamento al mondo orale e sonoro dei contadini”, nasce un disco che mancava, nel panorama musicale della musica etnica italiana, da molto tempo.
Un disco semplice, tradizionale, di buon gusto.
(Recensione dal WORLD MUSIC MAGAZINE)
 
Daniele Sepe:
“Ricordo che a casa mia si cucinava con la "sugna", l'olio d'oliva era giusto per condire l'insalata. I nostri nonni avevano altri stomaci e il loro vino o il loro ragù era molto lontano da quelle asfittiche e vissaniane imitazioni bioagrituristiche che oggi vanno per la maggiore. La musica fa lo stesso. Addomesticato e svuotato di senso, il neofolk invadente degli ultimi anni fa da tappezzeria a feste paesane e feste di laurea senza provocare nessuno scandalo. MALICANTI non è così. Sarà stata la frequentazione più per affetto che per voglia di fare i discepoli, ma qualcosa di quelle voci antiche e sofferte gli è rimasta appiccicata in gola. Ne avrà potuto più il vino bevuto insieme a Andrea Sacco che gli studi etnomusicolgici..."

«MALICANTI suona e canta le musiche dei modi contadini, soprattutto di due aree della Puglia: il Salento e il Gargano.
Quasi tutti i canti che facciamo li abbiamo appresi da anziani cantatori e suonatori della tradizione che con il passare degli anni sono diventati amici. In particolare di Andrea Sacco, Uccio Aloisi e il compianto Luigi Stifani, mesciu del tarantismo, abbiamo inserito un piccolo contributo sonoro nel cd per rendere loro grazie.
Le nostre musiche aggiungono davvero poco, in termini di arrangiamento, alle musiche che abbiamo sentito suonare da loro, e le nostre voci – tutti e cinque cantiamo – non sono “impostate” per il canto lirico, ma tentano di riprendere impostazioni di respiro e di risuonatori propri delle tradizioni contadine.
Infatti a noi emozionavano le voci e i suoni dei vecchi che sono rimasti a testimoniarci un mondo che non è il nostro. E insieme ci siamo chiesti se suonando potevamo ricreare qualcosa di quell’universo emotivo.
Il lavoro che facciamo quindi non è un lavoro filologico. Noi siamo disposti a cambiare qualcosa, a ri-creare qualcosa, ma non vogliamo rinunciare alle cose più essenziali e sostanziali della musica contadina.»


Elenco dei brani:
1 - Mundanare
2 - Ieri sira
3 - Quanto me pari beddha di luntanu
4 - Sangiuvannara
5 - Donna ci stai alle cambare
6 - Pizzica di San Vito
7 - Alla mundanare
8 - Matinata
9 - Garebalde
10-11 - Pizzica Tarantata
12 - Oi Rosa
13 - Alla Carbonara
14 - La Funtanelle

I Malicanti:

Francesca Chiriatti: Voce, tamburello, organetto, castagnette
. Salentina di Calimera (LE), discende da una famiglia di cantatori tradizionali.
Elia Ciricillo: Voce, chitarra, tamburello, chitarra battente. 
Voce degli Acquaragia Drom, è molisano, ha imparato a suonare la chitarra pugliese con Andrea Sacco di Carpino (FG)
Daniele Girasoli: Voce, violino, armonica, flauto, tamburello, cucchiai
. Salentino di S.Pancrazio (BR), suona tutti gli strumenti possibili; figlio e nipote d'arte.
Enrico Noviello: Voce, chitarra battente, tamburello, putipu. 
Di famiglia del Gargano (FG), ha imparato a cantare e suonare con Andrea Sacco le tarantelle e i canti della sua zona.
Valerio Rodelli: Voce, organetto, fisarmonica, tamburello
. Suona dall'età di 12 anni: da allora studia e approfondisce i repertori tradizionali del centro-sud Italia.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.