Taranterrae - 'O PRIMME FIGLIO

O_Primmo_Figlio_Taranterrae_pTitolo: 'O primmo figlio
Canti di Terra di Lavoro scelti e rielaborati da Taranterrae
Autore/i: Vari
Interprete: Taranterrae
Musiche: Vari
Produzione: Corrado Laudadio
Anno di produzione: 2008
Prezzo: Euro 13,00

 

La Campania è una terra trasposta in musica, e per questo il mondo intero ce la invidia. Poche altre regioni del globo possono vantare un simile patrimonio sonoro, sia per riconoscibilità immediata che per varietà di linguaggi musicali: tanto la melodia quanto il ritmo segnano le passioni di un popolo lungo l'arco intero della vita, dalla nascita al lavoro all'amore, fino naturalmente alla morte. La fioritura delle linee vocali trasporta emozioni e struggimenti del cuore, la cadenza napoletana tocca le corde più malinconiche, il canto a fronna permette di giocare con le proprie mature abilità canore, il furore ritmico delle tammurriate scandisce le pulsioni più istintive dell'animo. Proprio in questo furore hanno il loro punto di forza i Taranterrae, che dalla loro Caserta viaggiano a cavallo della musica attraverso l'intero territorio campano - grazie anche alla parallela attività di ricerca e diffusione delle musiche tradizionali dell'Associazione L'Isola, a loro collegata. Dicevamo delle spinte emotive della tammurriata: il folto ensemble infatti ha nell'energico vigore dell'endecasillabo alla napoletana un valore aggiunto, l'esecuzione veracemente ruspante di brani come "È l'uso, è l'uso", "Oi' Tiritò" o "Aucellucce" coinvolgono con la loro immediatezza e il loro vigore. Ma la voce è spesso in primo piano, dando il giusto risalto anche al lato melodico della canzone campana, da Napoli al Cilento e al casertano: "All'acqua all'acqua", "So' doje ore" o "Zi' monacello" (in cui la linea di basso è particolarmente straniante) contano su armonizzazioni vocali decise, che sostengono la melodia sul pieno degli strumenti.
Due parole vanno spese anche sugli arrangiamenti, debitori del folk revival dei '70 senza però essere pedissequi: chitarra battente, flauti, castagnette, violino e organetto spostano di sovente gli accenti emotivi dei pezzi, evitando abilmente il rischio di ripetitività che affligge la musica popolare estratta dal proprio contesto 'rituale'. Un grosso punto a favore, per un disco che si lascia ascoltare con gusto in tutti i suoi 41 minuti consecutivamente: ad oggi non è per nulla facile. Come ogni lavoro, anche 'O primo figlio è perfettibile in alcuni punti - qua e là l'intonazione vacilla, tirata per la giacchetta dall'irruenza dell'esecuzione: ma è un peccato veniale, figlio di una voglia di trasmettere le proprie passioni più forte di ogni rigore accademico. In fondo, è così che la musica del popolo e della storia dovrebbe essere.
Daniele Bergesio - World Music Magazine – Il giornale della Musica

 

Elenco dei brani:
Ninna nanna capuana
Figliuole alla Madonna
I Pullecenielli
So' ddoje ore
E' l'uso, è l'uso (alla maddalonese)
Addo' so' ghiute
Oi Tiritò
All'acqua all'acqua (alla cilentana)
Zi' Munaciello
Aucellucce (alla marcianesana)
Prologo a "Li turchi"
Li turchi alla marina
Canti du Cicerenella

Traccia video: "Ballo 'e l'urso" - Santa Venere, Marcianise

 

I Musicisti:
Michele Ardolino "'a Regina" - Voce, castagnette
Simona Riccio - Voce
Antonio Picciola - Chitarra acustica, chitarra battente
Niko Vescuso - Chitarra classica, mandoloncello, basso acustico
Michele Landolfi - Organetto diatonico, fisarmonica
Gaetano D'Errico - Flauto traverso, ottavino
Tony D'Ambrosio - Percussioni, tammorre, tamburello
Michele Fierro - Mandolino, voce
Rossella Marino - Violino
Giovanni Monte - Tammorra marcianesana in "Aucelluccio"
Simone Picillo - Percussioni etniche, effetti

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.