LE DANZE DI DIONISO - Carlo Faiello

le_Danze_di_Dioniso_pAutore: Carlo Faiello & Tammurriata Remix.
Titolo: Le Danze di Dioniso.
Booklet con testi in italiano.
Produzione: Oriente Musik
Anno di produzione:
Prezzo: Euro
Disponibilità: No
 
Quanta vita e quanta energia creativa in quei Quartieri Spagnoli di Napoli. È da lì che proviene Carlo Faiello, contrabbassista ormai noto sulla scena della musica popolare sin dall'orchestra di Roberto De Simone. De Simone, fino alla sua presenza dal 1984 al 1998 nella Nuova Compagnia di Canto Popolare, formazione all'interno della quale era autore/compositore oltre che contrabbassista.
Inoltre è doveroso citare altrettanto gloriose collaborazioni quali quelle con Roberto Murolo e Lina Sastri. Ora Carlo si mette in proprio, e possiamo dire che il risultato merita di essere annoverato fra i dischi da ascoltare.

Gli da credito un'etichetta tedesca: la "Orient Musik" ed il suo progetto si concretizza dando vita a "Le danze di Dioniso" presentato al Welt Music Festival (Womex) di Berlino. Il titolo del disco è già un programma da scoprire in quanto l'autore ha voluto a suo modo recuperare simbologie proprie della cultura Mediterranea; e dove di meglio poteva andare a pescare se non nella ricchissima e grandissima Grecia? Faiello ci tiene a spiegare che il mito di Dioniso, influenzando l'andamento della storia della musica con il Ditirambo, ha dato l'indicazione per la nascita della Tragedia, e quindi della Commedia, dell'Opera Buffa, dei canti carnevaleschi.

Quindi cerca di ricontattare le danze delle baccanti, la metrica poetica di Atene, i ritmi cretesi; ed ecco il miscelarsi di tammorre, riq, bouzouki, ciaramelle, oud, chitarre battenti ed altro ancora che accompagneranno tammurriate, moresche, canti di invocazione a Dioniso, temi arabi del nostro Mediterraneo (senza mai dimenticare la devozione per qualche mamma/madonna). In tutto questo si è avvalso di preziose collaborazioni: Giovanni Mauriello (indimenticabile voce della NCCP), Enzo Gragnaniello, la bella voce di Rachele Cimmino, Giovanni Coffarelli, il contadino cantore di Somma Vesuviana, grande archivio vivente della tradizione campana (a cui hanno attinto lo stesso De Simone, Alan Lomax, Diego Carpitella, Annabella Rossi), attualmente componente de "La paranza di Somma Vesuviana".
È particolarmente efficace, in "Algeri", la descrizione musicale che evoca le casbah algerine. Ma è doveroso citare "Ausonia", una affascinante tammurriata cantata per l'appunto da Giovanni Coffarelli; e dato che il tamburo batte dove il dio vuole, consigliamo di lasciarsi trasportare in scenari di festa tipici dei baccanali greci ascoltando "Mnemosyne" e "Ela Dionysé" (il ditirambo a cui si faceva cenno in precedenza). Insomma, si palesa il rischio che ci si possa convertire alla fede, seppure pagana, per l'antico e affascinante dio della danza e dei rituali di possessione.

 

Elenco dei brani:
1. Mantiké. 1'39"
2. Sia benedetto. 4'11"
3. Guainella. 3'24"
4. Lena lé. 3'23"
5. Algeri. 3'24"
6. Ausonia. 3'49"
7. Mnemosyne. 3'30"
8. Rota rota, 3'20"
9. Ela Dionysé. 3'20"
10. Stella Diana. 3'16"
11. As salamu. 13'16"
12. Devoto a te. 3'32"

Totale 41'09"

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.