LA NOTTE DEL DIO CHE BALLA

La_Notte_del_Dio_che_Balla_pAutore/i: Teresa De Sio, Agricantus, Xicrò, Pantarei, Il Parto delle Nuvole Pesanti, Nidi d'Arac, Ambrogio Sparagna, Addosso agli Scalini, Vinicio Capossela, Daniele Sepe.
Titolo: La notte del Dio che balla.
Progetto e direzione artistica di Teresa De Sio
Produzione: Compagnia Nuove Indie
Anno di produzione: 1999
Prezzo: Euro 15,00
 
LA NOTTE DEL DIO CHE BALLA è andata in scena per la prima volta la sera del 25 luglio scorso (1998) a Cosenza nel corso del festival "Invasioni". Il primo gruppo è salito sul palco alle nove e trenta e l'ultimo all'incirca verso le tre del mattino. Quella sera hanno suonato: XICRO', il gruppo guidato da Antonello Ricci (etnomusicologo, grande interprete del folk e virtuoso della chitarra battente), NIDI D'ARAC (gruppo leccese che parte da un impianto musicale tipicamente trip hop, jungle e su cui opera una serie di innesti stilistici legati ai "terzinati" ed alle "pizziche" della tradizione salentina), PANTAREI (il gruppo che ha elaborato un suono "etno-dub", e che, quella sera, lavorò sugli effetti della decelerazione del ritmo), SUD SOUND SYSTEM (già molto popolari, non solo a Cosenza, che per primi negli ultimi anni, hanno mischiato rap, impegno e dialetto), MADASKI (grande manipolatore di suoni e costruttore di ritmi tecno), e naturalmente, verso la metà del concerto, io stessa.

Quella sera cercai di creare un "meltin'-sound" durante il mio set, portando contemporaneamente sul palco, parte del mio gruppo abituale, Sasà Flauto alla chitarra e Flavio Zanon al basso, e poi Antonello Ricci alla chitarra battente e voce, Alessandro Coppola e Ermanno Castriota dei Nidi d'Arac, rispettivamente tamburello e violino, Pantarei Leon, Gianni Pierabella, Cesare Allah e Davide Grottelli dei Pantarei, alle percussioni, batteria, system e fiati.

Ormai la musica (e il concerto in particolare) non è più vissuta come l'esperienza alta del singolo artista che si offre agli altri, ma sempre di più come un rito collettivo durante il quale i musicisti sono attori e sciamani di un forte spostamento psichico: "saltano", cioè, e fanno "saltare" chi ascolta, in uno stato emozionale fuori dell'ordinario. Anche quella sera fu così, ancora una volta la musica svegliò "il Dio che balla". La funzione della danza è quella di "agire la musica, di tradurla in un nuovo linguaggio. Chi balla mostra di non subire passivamente la musica, ma attraverso i movimenti del corpo, ne certifica il potere e aggiunge nuovi significati. Quella sera fu così, le oltre duemila persone presenti ballarono fino a notte fonda, forse non del tutto ignari del fatto che, grazie al potere della musica, si stavano con entusiasmo lasciando possedere da forze misteriose e liberatorie, che la vita di tutti i giorni tende a mantenere sopite, ma che la musica sveglia e che, per un tempo difficile da misurare con gli strumenti della ragione, trasforma il corpo di ognuno nel "cavallo degli dei".
Teresa De Sio

 

Elenco dei brani:
1 - Santu Paulu mia di Galatina (tradizionale) 18"
2 - Pizzica Tarantata - Teresa De Sio - (T. De Sio) 6'53"
3 - Maarja - Agricantus - (Agricantus) 6'56"
4 - Salta Salta - Teresa De Sio - (T. De Sio) 4'23"
5 - Canto dell'Aquila - Xicrò - (Ricci, Cercato, Vacca) 5'52"
6 - Ritmicamente - Pantarei - (Vulpitta, Cesare) 6'00"
7 - Ballo senza piedi - Il Parto delle Nuvole Pesanti - (Voltarelli, De Siena, Crudo, Mellace, Garofalo) 6'18"
8 - Ronde Noe - Nidi d'Arac - (A. Coppola) 4'18"
9 - Pizzica Pizzica - Ambrogio Sparagna -(A. Sparagna) 3'02"
10 - RestArtarant - RestArt - (Donti, Colliva) 4'23"
11 - Pisca Pisca Piscatò - Addosso Agli Scalini - (Sada, Addosso agli Scalini) 4'40"
12 - Il Ballo di S.Vito - Vinicio Capossela - (V. Capossela) 3'25"
13 - Tarantella Calabrese - Daniele Sepe - (D. Sepe) 4'43"
14 - Pizzica tarantata (tradizionale)

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.